Al “Leopardi” di Torre Annunziata, a scuola di napoletano con lo scrittore Carlo Avvisati

Per il primo incontro dell'evento "Libriamoci", la lingua Napoletana è stata "ospite" all'Istituto Comprensivo "Giacomo Leopardi"

0
84

avvisatiIl primo dei tre appuntamenti previsti in occasione di “ Libriamoci 2016”, tenutosi  nella sala teatro dell’IC Leopardi di Torre Annunziata, ha visto come ospite lo scrittore Carlo Avvisati che ha presentato il suo libro scritto in lingua Napoletana “‘O ritorn d”o Pataterno”, poemetto in rima.

Durante l’incontro i tantissimi bambini e i loro insegnanti hanno potuto ascoltare e apprezzare, grazie alla lettura di alcuni passi dell’opera di Avvisati,  una delle lingue più conosciute e soprattutto riconosciute tali al mondo: il napoletano; una lingua che oggi è usata ancora da bambini e adulti ma che pochi sanno riprodurre come testo scritto.

avvisati2L’opera ha come perno principale le avventure  di Dio e di San Gennaro in terra partenopea  contestualizzate nella Napoli di oggi. Avvisati spiega che la lingua napoletana può essere molto più esaustiva dell’italiano, sia come prosa che come poesia,  perché  riesce a trasmettere al lettore o a chi ascolta la vera  essenza di ciò che si sta scrivendo o si sta dicendo.

Dopo questo primo incontro, che ha riscosso un grandissimo interesse, il 26 e 27 ottobre saranno ospiti della dirigente scolastica Antonella D’Urzo altri scrittori.

Domani ad incontrare gli alunni, anche i più piccini, sarà Carmine Spera, autore di canzoni per bambini, già affermatosi negli anni scorsi allo Zecchino d’Oro, ed autore del libro “Torno Topodomani”.

Gianluca D’Ambrosio