“Libriamoci 2016” con Carmine Spera all’I. C. Leopardi di Torre Annunziata

"Torno Topodomani" il libro dell'autore stabiese che ha esortato alla lettura e alla riscoperta delle parole che stimolano la fantasia e conducono in mondi fantastici e bellissimi

0
31

img_2379Seconda giornata all’insegna del racconto, della lettura e del libro a Torre Annunziata presso l’Istituto Comprensivo “Giacomo Leopardi”.

img_2367La sala teatro della scuola del Carminiello si è trasformata in un’agorà per ascoltare racconti e per confrontarsi con gli scrittori e gli ospiti chiamati a vivere con la comunità scolastica di via Cavour e via Murat questa edizione 2016 del progetto “Libriamoci”.

La mattinata si è aperta con i saluti del sindaco della città oplontina, Giosuè Starita, che si è prestato a leggere un brano da un racconto.

333fcee4-6b87-4091-a100-e603408a6310La manifestazione è proseguita con Felicio Izzo, preside del Liceo Artistico “De Chirico” di Torre Annunziata che ha coinvolti i ragazzi in un percorso per la realizzazione di un racconto condiviso.

Alle undici poi, l’incontro con Carmine Spera, autore di canzoni per bambini, più volte premiato, per le sue canzoni allo Zecchino d’Oro e presentatosi ai giovani alunni della scuola torrese con un libro, un racconto, una sua esperienza letteraria con la quale il brillante autore stabiese si è voluto cimentare un uno spazio più ampio di quello di una canzone. Più spazio per Spera, più pagine per un  racconto, simpatico, scorrevole, divertente, emozionante ed educativo. “Torno Topodomani”, questo il titolo del libro per bambini presentato e letto ai bimbi, dai più piccoli della scuola dell’infanzia ai più grandicelli della scuola primaria.

cfe4acfa-1f8c-4b33-bf63-a0753a937602La storia di un bambino che si risveglia topolino e comincia a guardare il mondo da tutta un’altra prospettiva.

“Sin da piccolo ho amato la cultura e la musica e, da qualche anno, ho realizzato il mio sogno con una mia canzone allo Zecchino d’Oro”. Così Carmine Spera che poi ha esortato alla lettura, alla riscoperta della lettura lasciando libero sfogo alla fantasia. “Le parole non sono null’altro che un gioco, come la plastilina o i mattoncini Lego. Modellate e composte una dopo l’altra creano mondi fantastici e inattesi che stimolano la fantasia e aiutano a crescere” ha aggiunto l’autore che anche quest’anno sarà presente allo storico concorso dedicato alla canzone per i bambini all’Antoniano di Bologna, con una nuova canzone dal titolo “Per un però”.

Grande successo per il topino Stefano protagonista del racconto e grande successo per lo scrittore stabiese, a lui i complimenti di tutti i docenti dell’istituto torrese e del dirigente scolastico, dr.ssa Antonella d’Urzo.

Domani la terza giornata di Libriamoci 2016 con altri ospiti e nuove storie.

Gennaro Esposito

4373c083-b487-423e-bda1-8431654b6f29 3337547b-3ef8-4919-b0ac-21abf4ca4f52

5c2fc5b7-06d8-4bdc-8bfc-6b18f10528c4

img_2385