IL GAZZETTINO VESUVIANO Quotidiano Online - Web TV
mercoledì, 29 mar 2017 - S. Secondo
Napoli nel Pallone 
Maurizio Sarri è come sempre schietto; "Giocare a quest'ora mi fa schifo".

Un Napoli double-face vince ad Empoli

Molto bene Insigne ancora a segno, grandissimo gol di Mertens, malissimo i cambi con Diawara e Giaccherini inesistenti
19 marzo 2017  -  

napoli double face

Con una certa autorevolezza ed una qualità tecnica nettamente superiore nel primo tempo il Napoli va sul 3 a 0 contro un Empoli modesto in tutti i reparti.

Malissimo il secondo tempo con la squadra distratta e deconcentrata che con giocate presuntuose non consone a calciatori professionisti rimette in partita un Empoli che si carica di orgoglio e mette alle corde gli azzurri partenopei. Dopo l’errore che porta alla punizione ed il gol empolitano, gli uomini di Sarri, infuriato con tutta la squadra, rischiano di pareggiare una partita già vinta.

Molto bene Insigne ancora a segno, grandissimo gol di Mertens, malissimo i cambi con Diawara e Giaccherini inesistenti.

Incredibile il piazzamento della barriera sul primo gol dell’Empoli, pessimi Chiriches e Ghoulam sull’azione del rigore ai toscani.

Quinta vittoria di fila fuori casa, ma segnali negativi sulla capacità della squadra partenopea di gestire le partite.

Vittoria importante su un campo storicamente ostico al Napoli, frutto di un primo tempo devastante e di alcuni errori della difesa di Martusciello che ha concesso troppo, anche due rigori: uno sbagliato da Mertens e uno trasformato da Insigne. In ogni caso sono stati loro due i protagonisti dei tre punti del Napoli al ‘Castellani’: doppietta per Insigne (uno su rigore), gol di Mertens (sono 20 in campionato) che sbaglia anche un rigore.

Maurizio Sarri è come sempre schietto; “Giocare a quest’ora mi fa schifo”.

Quando vogliamo andare in gestione delle partite diventiamo passivi – il suo commento post partita – Non siamo in questo momento in grado di gestire: bisogna continuare a giocarle. Abbiamo fatto un primo tempo ottimo e poi, quando abbiamo pensato che la partita era vinta, siamo diventati passivi e abbiamo rischiato e non è la prima volta che ci succede, però prendiamo quello che c’è di positivo: nelle ultime partite abbiamo fatto un grande filotto. Va anche considerato l’orario difficile in cui abbiamo giocato, un orario che mi fa schifo, quindi prendiamo i tre punti e andiamo a casa.

Cosa posso fare per blindare Mertens e Insigne per il futuro? Se un giocatore e il suo procuratore hanno altre idee un allenatore può fare poco: sono situazioni che competono a un dirigente e una società. Spero siano situazioni che si risolvano in fretta”.

E.C.

 

 





Partecipa alla discussione! Cosa ne pensi?