Violenza sessuale: il “branco” di Pimonte si pente e torna libero, ma sarà messo alla prova

0
3
violenza sessuale pimonte

violenza sessuale pimonteIl “branco” di Pimonte si pente e torna libero, ma sarà messo alla prova. Il caso è quello della violenza sessuale di gruppo su una 15enne che nel pieno della scorsa estate ha sconvolto il comprensorio dei monti Lattari. 

Il Tribunale dei Minorenni di Napoli questa mattina si è pronunciato ammettendo le richieste degli avvocati dei giovanissimi. Gli imputati sono apparsi tutti pentiti per quanto accaduto. 

I giudici hanno perciò deciso che per 18 mesi gli undici responsabili della violenza sessuale, originari di Pimonte, Gragnano e Vico Equense, andranno a scuola o al lavoro, poi faranno faranno tutti attività di volontariato, sport e seguiranno un percorso di recupero psicologico.

Il blitz è scattato a fine luglio 2016 a seguito di indagini dirette dalla Procura presso il Tribunale per i minorenni e svolte dai carabinieri di Pimonte. La denuncia è stata effettuata dalla stessa 15enne che ha dichiarato di essere stata costretta, dopo aver avuto un rapporto sessuale con il suo fidanzato, ad averne anche con gli amici di questi sotto la minaccia della pubblicazione su social network di un filmato riguardante il precedente rapporto.

Minaccia poi ripetuta in successive occasioni avendo il gruppo ripreso anche i successivi rapporti con gliviolenza-donne altri. L’attività di indagine ha consentito il riscontro delle dichiarazioni della vittima, poi ascoltata direttamente dal pm minorile con l’ausilio di una psicologa, con quelle di alcuni testimoni ed altri esiti investigativi consentendo di individuare compiutamente gli autori del fatto e le responsabilità di ciascuno nella commissione dei reati contestati.

I carabinieri hanno trovato riscontri su i telefoni cellulari sequestrati al gruppo. In una delle sequenze recuperate si vedrebbe un componente del branco minacciare la ragazza anche con un coltello. Il regista della strategia di ricatto che ha fatto violentare a più riprese la sua fidanzatina minacciandola di pubblicare i video dei rapporti sessuali sui social network appartiene ad una famiglia legata a un boss locale. 

I protagonisti negativi di tutta questa terribile faccenda sono ragazzi appartenenti alla fascia d’età della scuola media. Almeno un paio di loro sono legati da vincoli di parentela ad elementi della criminalità locale. Per le altre famiglie invece si tratta di famiglie semplici, oneste, umili. Anche la famiglia della ragazza è di umili origini. 

SHARE
Previous articleLa Rai che sponsorizza le donne dell’ est; e parlano ancora di diritti femminili
Next articleBagnoli, l’arenile è una discarica a cielo aperto. Qui dove si violentano le spiagge
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.