Castellammare, l’ex sindaco Bobbio: “Villa Comunale? Progetto stravolto. Ora festeggiate, poi in futuro..”

0
20
bobbio

bobbioSabato sarà riaperta al pubblico dopo due anni di lavori la villa comunale di Castellammare e mentre la città si prepara al grande evento che prevederà anche la presenza del Governatore della Regione Campania, Vincenzo De Luca, l’ex sindaco Luigi Bobbio si dimostra scettico sulla legittimità di tutte le varianti che hanno stravolto il progetto iniziale.

Con carte e foto alla mano, l’ex primo cittadino ha mostrato alcuni punti fondamentali del lungomare stabiese che non rispettano il progetto originali. Si parla particolarmente delle fioriere, a suo dire troppo grandi e presenti in luoghi in cui non dovevano esserci, passando poi per le panchine e per la massicciata che regge il prolungamento del lungomare sull’arenile.

A pochi giorni dalla “festa”, anche se il sindaco Toni Pannullo ha sempre parlato di manifestazione cittadina più che di veri e propri festeggiamenti, arriva l’attacco quindi di Luigi Bobbio. “Queste sono solo alcune delle modifiche apportate al progetto di rifacimento della villa messo a gara e aggiudicato – spiega l’ex cittadino stabiese -. Ma queste sono legittime? E la pista ciclabile? Eppure la gara fu aggiudicata (anche) su una offerta tecnica migliorativa che ne prevedeva addirittura il raddoppio rispetto al progetto. E le siepi “nane” a bordo strada? E le nuove e più numerose essenze arboree? E la scogliera al posto della palificazione in cemento antimareggiate?”. Interrogativi che per l’ex primo cittadino non hanno risposta.

Purtroppo la storia che ha visto protagonista il progetto originale di riqualificazione di tutto il lungomare si è dimostrato completamente errato perchè non prendeva in considerazione moltissimi aspetti della villa comunale. Già con il commissario prefettizio e nei primi mesi di amministrazione Pannullo, si è lavorato per risolvere tali criticità. Per rientrare nei costi, dopo la rimodulazione dei fondi dalla Regione, era fondamentale cambiare alcune cose come per esempio l’eliminazione della palificazione in cemento con la presenza attuale della massicciata. Il rischio mareggiate è presente e probabilmente se ne continuerà a parlare nei prossimi temporali.

Per quanto riguarda la pista ciclabile, quest’ultima sarebbe stata eliminata successivamente a causa di alcuni problemi riscontrati nella realizzazione del progetto tanto che nel gennaio 2016 alcune associazioni cittadine manifestarono la loro contrarietà. Si è pensato di piazzarla, comunque, sui binari di proprietà delle Ferrovie dello Stato ricoprendo i buchi presenti con della gomma così da garantire la sicurezza ai ciclisti ma al momento non ci sono novità a riguardo.

Con tutto questo verde presente, comunque, anche se in quantità maggiore rispetto al progetto iniziale, è fondamentale una cura maggiore da parte del Comune. Le siepi che si trovano a bordo strada sono state, almeno per ora, completamente abbandonate tanto che per giorni l’erba era uscita anche fuori dai confini ad essa assegnati. Con la presenza di tutto il verde nella villa comunale, è necessaria una manutenzione quotidiana.

Si dimostra scettico sull’effettiva validità della villa comunale, quindi, l’ex sindaco di Castellammare Luigi Bobbio che conclude dicendo: “Probabilmente se ne riparlerà. Per ora godetevi la festa!”. Non tutti sono entusiasti per l’apertura del lungomare e Bobbio è fra questi.

SHARE
Previous articlePimonte, elezioni 2017: i centristi chiedono il cambio di leader, il Pd non ci sta
Next articleCastellammare, le associazioni dell’Asharam: “Approvate la Carta di Avviso Pubblico”
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.