Ercolano, Loredana Gargiulo (Pd): “Pronta a ricoprire qualsiasi ruolo”

490

Loredana gargiulo ercolano pd“Sempre pronta ad offrire il mio umile contributo alla causa, lontana dalle inutili polemiche e profonda sostenitrice del gioco di squadra”: esordisce così ad Ercolano Loredana Gargiulo, esponente del Partito Democratico e toga sempre attiva nel sociale sul territorio.

“Come sempre – ha precisato l’esponente della quota rosa del Pd – sono pronta ad offrire la mia piena disponibilità, politica e professionale, al rinnovamento comunitario senza prestare minimamente attenzione a polemiche sterili o inutili chiacchiericci che poco o nulla hanno a che fare con la crescita qualitativa di Ercolano.

Si sa che un bicchiere lo si può vedere mezzo pieno o mezzo vuoto: tutto dipende dalla buona fede e dalla trasparenza operativa di chi dai banchi del consiglio comunale o da cittadino si relaziona con il governo locale. Ben vengano allora critiche costruttive, accesi confronti finalizzati alla crescita unitaria del territorio.

Occorre bandire definitivamente qualsiasi falsa ideologia che voglia fare di Ercolano un paese diviso in fazioni: una visione troppo meschina per una realtà vesuviana che vanta tradizioni storico archeologiche millenarie e che in fondo non chiede altro che un’opportunità per poter brillare di luce propria”.

Stimata toga locale Loredana Gargiulo è stata sempre una “piuma colorata” dell’ala rosa Pd, una professionista battagliera determinata a perorare questioni di importanza vitale per gli ercolanesi senza mai però cedere alla tentazione dei riflettori, ovvero senza cercare ad ogni costo l’attenzione mediatica di cui forse qualcuno, soprattutto in passato, ha abusato.

“Credo che si si vogliano raggiungere obiettivi concreti – ha continuato Gargiulo – lo si debba fare con un lavoro di squadra che veda tutti i cittadini ercolanesi protagonisti dell’esplosione qualitativa del paese. E’ facile, riduttivo e datato puntare il dito contro l’attuale amministrazione comunale senza invece ricercare le reali cause che a monte hanno impedito ad Ercolano di affermarsi nel palinsesto turistico archeologico mondiale come meriterebbe.

Occupazione, carenze nei servizi, problemi di viabilità, comunicazione tra Ente Comune e cittadini ancora non al top: tutte realtà da affrontare con coraggio e voglia di migliorare senza dare il via a sterili gare per il ‘primo posto’. In tal senso sono pronta in ogni momento a ricoprire con onore qualsiasi incarico questa amministrazione o il partito voglia offrirmi motivata dall’amore che nutro per Ercolano e dalla certezza delle potenzialità produttive insite in questi luoghi”.

Della serie: il “Gargiulo time” politicamente parlando potrebbe ormai essere prossimo. Al sindaco di Ercolano Ciro Buonajuto l’ardua sentenza.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteGiornate Nere a Napoli e in provincia: il 31 marzo delle forze dell’ordine
SuccessivoGuerre di camorra a Napoli centro e periferia: bombe e adescatrici per colpire i nemici
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.