Dieta e cellulite: un problema di infiammazione

0
15
cellulite

celluliteConsiderata dalla maggior parte delle donne (si stima che l’80% della popolazione femminile abbia o abbia combattuto contro questo problema) come un semplice inestetismo, in realtà la cellulite, dal punto di vista medico, è una malattia di origine infiammatoria.

Non affligge solo le donne in sovrappeso, ma può facilmente interessare anche strutture fisiche normopeso o addirittura magre.

La cellulite è in realtà un’alterazione dell’ipoderma con ipertrofia delle componenti connettive e adipose. Tale stato è definito clinicamente PEFS, acronimo di pannicolopatia-edemato-fibrosclerotica. In questa condizione, esiste una modificazione nell’equilibrio dei sistemi venoso e linfatico, che provocano perciò un rallentamento del flusso ematico e una stasi di liquidi negli spazi intercellulari (la cosiddetta ritenzione idrica).

La cellulite subisce anche una precisa evoluzione nel tempo, passando attraverso tre fasi distinte:

– la prima fase si chiama cellulite edematosa, ovvero caratterizzata da gonfiore diffuso;

-la seconda fase si chiama cellulite fibrosa, in quanto la pelle è dura al tatto;

-la terza fase si chiama cellulite sclerotica (indurita) ed assume l’aspetto a “materasso”.

Le cause sono molteplici: genetiche, endocrine, vascolari, alimentari o posturali.

Per risanare la situazione, bisognerebbe intervenire in modo da favorire il riassorbimento del grasso: questo sarebbe possibile eliminando le cause che hanno provocato infiammazione e il rallentamento del flusso sanguigno.

Una delle armi a disposizione è sicuramente rappresentata da un’alimentazione corretta. Ciò che mangiamo può influenzare moltissimo la nostra salute sia nel breve che nel lungo periodo. Si parla di alimentazione o dieta antinfiammatoria.

È da sottolineare che alcuni alimenti, molto diffusi nella dieta occidentale, possono essere in grado di causare una condizione di infiammazione o di peggiorarla: in particolare, le carni rosse, gli insaccati e derivati del latte.

L’alcol è causa di flogosi ed affaticamento epatico e dovrebbe essere consumato sempre con molta moderazione. I grassi idrogenati, il cibo da Fast Food, gli alimenti confezionati e di preparazione industriale, ricchi di coloranti ed aromi artificiali, conservanti, solfiti ed additivi vari, ma anche i dolciumi, le bevande zuccherate, le farine e tutti gli alimenti raffinati possono indurre il rilascio di molti mediatori di flogosi ed essere causa di iperinsulinemia.

Per ovviare a ciò bisogna prediligere nella propria dieta:

– legumi, cereali integrali, frutta secca, verdura ed ortaggi, nonché i prodotti ittici, in quanto fonti di antiossidanti ed acidi grassi pregiati dalle proprietà antinfiammatorie;

– l’idratazione dell’organismo è indispensabile sia per combattere il ristagno dei liquidi sia favorire la liberazione di tossine che causano infiammazione; ogni giorno è consigliato bere da 1,2 a 2 litri di acqua oligominerale;

-fondamentale è il consumo di frutta, ortaggi e verdura sia in relazione con la riduzione degli episodi da infiammazione da cibo; sembra che gli antiossidanti giochino un ruolo fondamentale nello svolgere questo effetto protettivo;

– poco sodio (sale) e molto potassio, per regolare l’equilibrio idrico dell’organismo e la distribuzione dei fluidi sulla parete delle cellule.

Ma quali sono i cibi più efficaci per contrastare questo inestetismo? La mela rossa ricca di antiossidanti, meglio se mangiata con la buccia che contiene piruvato (riduce la ritenzione tonificando e riducendo l’assorbimento dei grassi), il pompelmo rosa, con grandi quantità di vitamina c che migliora la circolazione, ananas perfetto per favorire la diuresi perché ricco di enzimi ed antiossidanti, il mirtillo e l’ippocastano che proteggono il microcircolo. Melone, anguria, pesche e fragole sono ottime per favorire la diuresi.

Vincenzo Ciaravolo 

SHARE
Previous articleBombe contro Comuni, sedi del Movimento 5 Stelle e giornali: la “Nfo” esce allo scoperto
Next articleFa i bisogni nella storica piazzetta di Capri, tremila euro di multa al turista
avatar
Dott. Vincenzo Ciaravolo cell: 3931580402 email: vciaravolo@gmail.com www.nutrizionistaciaravolo.com Biologo nutrizionista laureato presso l'Università degli studi di Napoli Federico II. Laurea magistrale in Biologia, indirizzo Nutrizione Umana. Diploma di Perfezionamento in " La nutrizione ottimale: aspetti teorico pratici". Successivamente ha conseguito l' Abilitazione all'esercizio della professione di biologo n° 068197. Le sue esperienze di ricerca svolte presso il laboratorio di genetica e biologia molecolare della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli studi di Napoli Federico II, hanno interessato la Nutrigenomica; nello specifico lo studio della sensibilità gustativa negli aspetti fenotipici e genotipici in madri e bambini al fine di valutare relazioni tra sensibilità gustativa innata, acquisita e scelte alimentari. ( 2011-2012) La ricerca sulla sensibilità gustativa è avvenuta in collaborazione con il Prof.Luigi Greco, Direttore del Dipartimento di Pediatria-Policlinico Federico II. Ha preso parte a corsi di counseling nutrizionale nei DCA emergenti , medicina estetica e nutrizione: strategie per la gestione, l’attivazione della biogenesi mitocondriale- SNS-SALERNO; le reazioni al glutine: allergia,celiachia, sensibilità al glutine organizzato da: dna medical communications Ha partecipato a corsi sulla "Diagnostica delle reazioni avverse agli alimenti-Metodica Cytotest"; corsi sull'alimentazione nel bambino obeso" (SNS) ; Ha svolto giornate di incontro in numerose associazioni sportive per la valutazione nutrizionale in atleti giovani ed adulti. Ha attivamente partecipato all’iniziativa "Mangia Felix": Giornata cittadina sul mangiare felice, realizzata in collaborazione con : SINU -Società italiana di nutrizione umana sez.Campania, e FIMP Federazione italiana medici pediatri . Ha partecipato ad un ciclo di seminari in Analisi microbiologica di alimenti surgelati e Criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari. Ha preso parte a corsi di aggiornamento in Igiene degli alimenti e Principi di dietetica . Ha partecipato al X forum nazionale ADOSITALIA. Ha praticato attività ambulatoriale presso il Dipartimento di Pediatria dell'Università Federico II. Attualmente frequenta gli ambulatori di Dietologia della facoltà di Medicina e Chirurgia dell'Università degli studi di Napoli Federico II. ♦ Abstract scientifici. Bitter sensitivity and FOOD CHOICES IN CHILDREN Smarrazzo A, Di Feola M, Di Domenico S, Artesi G, Valente S., Scala M., Amatucci F, Ciaravolo V, Negri R and Greco L- European Laboratory for Food Induced Disease Department of Pediatrics, University of Naples Federico II ( 2011)