Rapporti Napoli-Ultrà: la procura della Figc apre un’indagine

0
8
napoli ultrà

napoli ultràPresunti rapporti Napoli ultrà: questo il motivo che ha spinto al procura Figc ad aprire un’inchiesta sul nNapoli.

Dopo la Juventus tocca anche al Napoli finire nel mirino della procura federale per i presunti rapporti tra la società di calcio e la parte della tifoseria legata alla criminalità organizzata. Dopo le parole rilasciate nei giorni scorsi alla commissione antimafia dal sostituto procuratore della Dda di Napoli Enrica Parascandolo, infatti, il capo Procura della Figc, Giuseppe Pecoraro, ha aperto un’indagine sui rapporti tra il club di de Laurentiis e i suoi ultras, chiedendo gli atti alla procura generale di Napoli.

Pecoraro, che ha chiesto gli atti alla Procura di Napoli, ha deferito nel mese scorso il numero 1 della Juve, Andrea Agnelli, per i presunti rapporti della società bianconera con ultrà ed esponenti della malavita organizzata finiti sotto la lente d’ingrandimento della commissione antimafia.

Ma quali sono state le parole della Parascandolo ad aver insospettito Pecoraro ed indurlo a vederci meglio?

Enrica Parascandolo dichiara: “Esiste una forma di controllo, come per tutte le attività, da parte della camorra, non mi sento di escluderlo. Ma questo non vuol dire che le curve siano appannaggio dei clan o che i clan condizionino la gestione o la vendita dei biglietti. E soprattutto, come hanno dimostrato le indagini, nella maniera più assoluta risultano frequentazioni del vertice della società con i clan per acquietare la curva”.

Durante l’interrogatorio, sempre il sostituto procuratore Parascandolo, ha dapprima negato dirette collaborazioni tra il club partenopeo e frange del proprio tifo legate alla criminalità; poi si è soffermata però sulle frequenti presenze a bordo campo del figlio di un noto boss della camorra, Antonio Lo Russo: “La sua presenza, garantita attraverso un pass da giardiniere, era tutt’altro che occasionale. Abbiamo riscontrato la massima collaborazione della Società Calcio Napoli, che ha messo a disposizione nostra, della Procura Federale e della Dia tutta la documentazione sulle persone che avevano accesso a bordo campo nel campionato 2009-2010. Antonio Lo Russo era presente a bordo campo con un pass con la qualifica di giardiniere, e non era l’unico. Altri figuravano come fotografi. Siamo risaliti alla ditta che aveva l’appalto per il campo, il vivaio Marrone, e sono state svolte attività investigative. Il titolare ha dichiarato di aver fatto un favore a un suo cliente, avendogli dato la possibilità di stare a bordo campo. Mi risulta che la Procura Federale abbia archiviato la vicenda e in particolare escluda la responsabilità della società in merito, nessun rapporto diretto intercorreva tra i giardinieri e la società”.

La pm della Dda di Napoli Parascandolo ha anche precisato che clan con “rapporti di buon vicinato se non di alleanza vanno allo stadio nella stessa curva. Clan rivali vanno in curve diverse, è un dato notorio la divisione della tifoseria in base al territorio e, ahimè, ai gruppi camorristici.  Durante l’audizione la pm ha detto che  “è un dato notorio la divisione della tifoseria in base al territorio e, ahimè, ai gruppi camorristici”, nonostante questo ha ricordato come anni fa “l’intervento di Antonio Lo Russo ha permesso di esporre lo striscione a tutela di Lavezzi”, per trattenerlo a Napoli, “in entrambe le curve in cambio della garanzia da parte del calciatore che non sarebbe andato a giocare in squadre italiane come la Juve, ma nel caso solo all’estero”. Interrogato come collaboratore di giustizia Lo Russo ha affermato, ha detto Parascandolo, di aver avuto un rapporto di amicizia con Lavezzi, presentatogli da un amico ristoratore, “non certo come capo clan ma come capo ultra’”. Ha anche parlato dell’esistenza tra i due di “utenze telefoniche dedicate”, i cosiddetti “citofoni” e “non ha mai parlato di fatti illeciti da parte di Lavezzi”.

SHARE
Previous articleGuide d’eccezione e ingressi gratuiti: Pasqua al Museo delle Identità
Next articleCamorra, il clan Galasso e gli interessi criminali sull’area di Poggiomarino
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.