Perse la vita in un incidente stradale un anno fa, Santa Messa in ricordo di Francesco Scarpato

0
177
santa messa francesco scarpato castellammare

santa messa francesco scarpato castellammare“Coloro che amiamo e che abbiamo perduto non sono più dove erano ma sono ovunque noi siamo”: recita così il manifesto affisso in queste ore in città per il primo anniversario della morte di Francesco Scarpato, il 19enne che il 17 aprile 2016 perse la vita in un terribile incidente stradale a Castellammare di Stabia. 

La Santa Messa sarà celebrata lunedì 17 aprile alle ore 19 presso la parrocchia dell’Annunziatella. Nella stessa chiesa un anno fa fu celebrato il funerale del giovane nel corso della quale il parroco don Antonio Staiano disse queste parole: “Cari ragazzi correte il rischio di perdere tanto e lasciare il cuore di un padre e una madre infranto. La vita non è solo la vostra. Tanti giovani sono qui presenti. Lui non ritorna più, ma voi dovete assumere il significato di quello che è accaduto”.

L’episodio scatenò un’ondata di commozione in tutta la città e gli amici di Francesco Scarpato hanno continuato a mantenere vivo il ricordo del 19enne con manifesti e striscioni affissi nella periferia, in particolare al rione Petraro. Molti riportarono una frase che lo stesso Scarpato aveva scritto su Facebook qualche tempo fa: “Sono nato piangendo, mentre altri ridevano; ma morirò ridendo, mentre altri piangeranno”.

Domenica 17 aprile 2016 Francesco Scarpato si trovava in moto con un amico. I due si trovavano in via santa messa francesco scarpato castellammare 1Annunziatella all’altezza di un’attività commerciale quando improvvisamente avvenne l’incidente. Subito le condizioni del 19enne apparvero molto critiche e Scarpato, trasportato in un primo momento all’ospedale San Leonardo di Castellammare, fu trasferito all’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta. Il 19enne presentava numerose fratture anche alla testa. Poche ore dopo la tremenda notizia della morte del giovane che atterrì l’intera città delle acque.

Parenti e amici ricorderanno lunedì prossimo il giovane: il manifesto affisso in queste ore riporta due foto di Scarpato, una sorridente in primo piano, l’altra a bordo di uno scooter, sullo sfondo un cielo azzurro e qualche nuvola.

SHARE
Previous articleInseguimento in centro: operazione “Pasqua tranquilla” a Torre Annunziata
Next articleCastellammare, protesta dei lavoratori termali: “La città rivuole le sue Terme!”
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.