Castellammare, arenile inquinato e balneabilità: depositata interrogazione dal M5s

0
17
villa comunale castellammare

arenile castellammareL’arenile di Castellammare, dopo l’apertura della villa comunale, è al centro delle polemiche. La nuova conformazione del lungomare permette la passeggiata a tutti i cittadini sul litorale stabiese ma, secondo alcune fonti politiche e secondo l’ultima analisi fatta nel 2008 dall’Arpac, si tratta di sabbia altamente inquinata per la presenza di materiali pesanti dopo anni di abbandono.

Sono partite le prime proteste di Fratelli d’Italia qualche settimana fa e, allo stesso tempo, del Movimento 5 Stelle che ha presentato un’interrogazione regionale grazie all’interessamento di Luigi Cirillo, Maria Muscarà e Vincenzo Viglione (consiglieri). L’amministrazione comunale ha provato a difendersi dalle accuse ma questo potrebbe non bastare per garantire la sicurezza a tutti i cittadini.

“Si prevedono interventi di bonifica sull’arenile di Castellammare di Stabia? Sono state stanziate risorse? Si è predisposto un programma per garantire la balneabilità delle acque?”. Sono questi gli interrogativi posti da Luigi Cirillo, consigliere regionale del Movimento 5 Stelle che insieme ai colleghi Maria Muscarà e Vincenzo Viglione firma un’interrogazione rivolta al presidente De Luca e all’assessore all’Ambiente Bonavitacola sulla vicenda dell’arenile della villa comunale di Stabia.

“Occorre intervenire al più presto – sottolinea Cirillo – bonificando l’area per evitare il rischio di contrazione di infezioni come già è accaduto”. “L’Arpac, nel corso dei rilievi effettuati recentemente sulle acque antistanti la villa comunale di Castellammare di Stabia – evidenzia il consigliere – ha rilevato valori nella norma con enterococchi intestinali ed escherichia coli al 90 % in meno del limite massimo consentito, tali da non rendere balneabili le acque del lungomare ma trattandosi di dati non definitivi per cui si rendono necessari nuovi rilievi”. “A tal riguardo la qualità della balneabilità proprio antistante la Villa e delle zone costiere per la stagione balneare 2017 è stata definita ‘scarsa – ricorda il consigliere – con delibera di Giunta n. 101 del 28 febbraio 2017, è stato approvato l’elenco delle acque adibite e non adibite alla balneazione e dei punti di monitoraggio per la stagione balneare 2017”.

“Mentre si pensa a tutelare la passeggiata sul lungomare – rileva il consigliere – è praticamente in abbandono arenile e lo specchio del mare”. “Come Movimento 5 Stelle chiediamo al presidente De Luca e all’assessore Bonavitacola – conclude Cirillo – se la Giunta ha previsto e cosa ha messo in campo per bonificare l’arenile di Castellammare di Stabia e per garantire la balneabilità delle acque e la tutela della sicurezza della salute dei cittadini stabiesi e non solo”.

SHARE
Previous articleLa vergogna in una traversa di Agnano: cresce ancora la montagna di immondizia
Next articleCompravendita dei senatori, prescrizione per Silvio Berlusconi e Valter Lavitola
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.