A Pompei le bombe dei narcotrafficanti in barca a vela: l’incredibile scoperta in via Ripuaria

0
404
bombe narcotrafficanti pompei

bombe narcotrafficanti pompeiA Pompei le bombe dei narcotrafficanti in barca a vela. La scoperta è stata fatta dagli agenti della squadra mobile di Napoli, che all’alba del 19 aprile hanno fatto scattare l’ultima fase di un’inchiesta su un traffico internazionale di cocaina dal Sudamerica verso la Campania effettuato via mare occultando la droga nel doppiofondo di un’imbarcazione.

In manette sono finiti i fratelli Raffaele e Giuseppe Maurelli, di 46 e 44 anni, incensurati imprenditori originari di Castellammare di Stabia ma residenti a Scafati, e di Paolo Del Sole, di 39 anni, originario di Torre del Greco e titolare di una rivendita di auto a Scafati.

Le indagini avrebbero appurato contatti con esponenti della criminalità organizzata operante nell’area stabiese e torrese. Oltre a cosche di Castellammare come i clan di camorra dei Cesarano e degli Omobono-Scarpa, risulterebbero coinvolti negli affari anche i clan Gionta, Gallo-Cavaliere e Matrone.

Gli inquirenti, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli, sono arrivati agli insospettabili narcotrafficanti dopo che nel 2014 furono arrestati in Spagna, colti in flagrante mentre erano ancora a bordo della barca a vela, Bartolo Di Massa, di 46 anni, originario di Castellammare di Stabia ma residente da anni a San Giustino, in provincia di Perugia, e due skipper stranieri. A bordo della barca a vela Scugnizza vennero rinvenuti 680 kg di cocaina purissima. (Il testo continua dopo il video)

Sotto sequestro il 19 aprile anche beni mobili ed immobili per un valore complessivo di circa 10 milioni di euro ubicati a Scafati, Torre Annunzata, Pompei, Castellammare di Stabia, San Giuseppe Vesuviano, Pollica e Montecorice. Proprio nel corso dei sequestri e delle perquisizioni effettuate nelle scorse ore i poliziotti sono giunti a Pompei, in via Ripuaria.

Qui, in un locale che risulterebbe di proprietà di un familiare dei fratelli Maurelli, gli agenti della squadra mobile partenopea hanno rinvenuto ben sette bombe a mano. La scoperta ha reso necessario l’intervento degli Artificieri e dei vigili del fuoco. L’operazione è andata avanti per molte ore, sino al tardo pomeriggio: l’area è stata così messa in sicurezza e le bombe a mano sono state sequestrate.

SHARE
Previous article“Salus-Terza età e salute”: cure termali per gli anziani di Santa Maria la Carità
Next articleCastellammare, buone notizie per il porto stabiese. Pannullo: “Hanno accolto tutte le nostre istanze”
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.