Sicurezza stradale: le idee del salernitano Bergamo arrivano in Commissione Trasporti

0
43
sicurezza-stradale

sicurezza-stradaleLa sicurezza stradale riguarda tutti come automobilisti ed utenti deboli e al giorno d’oggi, con un numero sempre più elevato di veicoli circolanti, risulta fondamentale per ridurre i rischi dovuti alla circolazione. Ad elaborare delle proposte utili ad aumentare la sicurezza stradale è lo scrittore salernitano Fabio Bergamo che, appassionato di automobili, da anni si dedica scrupolosamente allo studio del problema.

Le sue proposte di innovazione sono giunte all’esame della Commissione Trasporti alla Camera dei Deputati grazie all’interessamento degli On. Paolo Russo (Forza Italia) e Andrea Colletti (Movimento 5 stelle).

Essendo uno scrittore, allo studio del CdS da un punto di vista giuridico, si è aggiunta anche un po’ di abilità letteraria, infatti, non solo ha ideato segnali stradali nuovi ed utili per la guida, ma ha anche scritto interessanti articoli, libretti, album per bambini, e ideato nuovi termini ai fini della educazione stradale dei giovani.

Tra le sue diverse idee, vogliamo citare: lo stop avanzato che perfeziona la disciplina dello stop mettendo in comunicazione i veicoli che hanno la precedenza con quelli che intendono impegnare l’incrocio; l’indicatore di tenuta del margine destro per guidare in prossimità del margine interno della corsia occupata allo scopo di invogliare il conducente a tenere la distanza di sicurezza così da evitare sorpassi pericolosi e velocità elevate; l’indice di pericolosità stradale (IPS), relativo ai segnali di pericolo, che con due livelli informa della gravità del pericolo (col primo si guiderà in base alle norme del CdS, col secondo si guiderà adottando la massima prudenza, ossia mantenendo una distanza di sicurezza maggiore di quella prevista normalmente, mantenendo la destra in modo rigoroso, transitare con una velocità molto inferiore a quella prevista dal limite consentito, e cosa importante usando le 4 frecce di emergenza, ….ecco pensiamo le curve, le gallerie, i viadotti, le confluenze autostradali, ecc..; il DAS che con due delineatori posti a diverse distanze del semaforo facilita l’attraversamento all’incrocio evitando di passare col rosso (il primo destinato alle auto ferme al semaforo, il secondo, più distante da esso, per le auto in movimento); per la sicurezza dei pedoni ha proposto il limite di velocità di 40 Km/h sulle strade a doppio senso, lasciando quello di 50 km/h solo sulle strade a senso unico ed ha coniato il nuovo termine di “limite di transito” nei confronti dei pedoni, più che di limite di velocità destinato esclusivamente ai veicoli, e quello del “dovere di antecedenza” per i conducenti che hanno il dovere di dare ai pedoni la precedenza, quando essi, avendolo segnalato per tempo, attraversano, nei centri abitati, fuori delle strisce; la revisione periodica della carrozzeria presso carrozzieri autorizzati come reale beneficio per i conducenti virtuosi; il seggiolino offerto di serie per le mamme in dolce attesa o per le famiglie che hanno un bambino piccolo all’atto dell’acquisto della vettura nuova; la dimostrazione della validità giuridica del sorpasso a destra in autostrada, allo scopo di indurre l’uso corretto delle tre corsie definendole in base al loro utilizzo ancora non presente nel CdS (corsia di marcia normale o di primo superamento per la corsia di destra; corsia di primo sorpasso o di secondo superamento per la centrale; corsia di secondo sorpasso o di terzo superamento per quella di sinistra); nelle rotatorie il limite generale di 40 Km/h e di 30 km/h quando in esse sono presenti dei ciclisti.

SHARE
Previous articleNon accenna a spegnersi la polemica sulla cementificazione di Volla. Festa ribatte a Viscovo
Next articleMulta da 25 milioni per il contrabbandiere: sentenza choc del tribunale
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio. Il Gazzettino vesuviano, però, è anche sport, con le più blasonate squadre di serie A, B e C, con accrediti presso le società ed ingresso ai campi ed agli spogliatoi, ma soprattutto con le serie minori del calcio vesuviano. Sono sempre presenti tutti gli altri sport come la pallavolo, il basket, il ciclismo, il rugby e la boxe, disciplina, quest'ultima, che vanta antiche tradizioni proprio nell'area vesuviana. Un giornale, il nostro, che si propone come organo d'informazione a tutto tondo, proponendo rubriche per il tempo libero, nonché argomenti attinenti al patrimonio storico, artistico, archeologico, scientifico e socio economico della Regione. La veste grafica presenta un formato comodo, ma non estremamente piccolo. La grandezza delle nostre pagine è quella relativa al formato classico dei tabloid inglesi, la carta che utilizziamo è la classica carta da quotidiano rigorosamente riciclata. Da anni appuntamento del venerdì per tantissimi lettori, “il Gazzettino vesuviano” che dal 2006 è diretto da Gennaro Cirillo, che ha raccolto l’eredità paterna scegliendo il nuovo formato, la nuova vesta grafica e dando il giusto slancio per l’utilizzo delle nuove tecnologie, viene distribuito in maniera capillare in gran parte dei comuni della provincia di Napoli ed in alcuni comuni della provincia di Salerno. Le “Edizioni il Gazzettino vesuviano” vantano la pubblicazione di diversi volumi nel corso dell’anno. Libri dedicati alla storia locale e alla Gens vesuviana, ma anche racconti, saggi e romanzi gialli di diversi autori locali e nazionali. Dal 2010 il nostro giornale è partner dell'Ateneo milanese IULM per gli stage formativi propedeutici al conseguimento della laurea. Presente sul web il giornale ondine -www.ilgazzettinovesuviano.com - aggiornato in tempo reale per offrire nuovi spunti di riflessione e sempre più informazione, puntuale, attenta e innovativa. Il successo del quotidiano online è ormai sottolineato giorno dopo giorno dalle migliaia di accessi da tutt'Italia e con lettori fidelizzati in tutt'Europa e nel Mondo. Tante persone che non mancano di attestarci la loro stima con commenti e ringraziamenti per il lavoro di informazione e reportage da noi svolto. Un lavoro, il nostro, che permette loro, con un semplice click, di restare legati ad una terra che amano e vivono sia pur attraverso quel filo tecnologico da noi offerto. Un lavoro apprezzato soprattutto da migliaia di cittadini vesuviani che trovano uno strumento veloce, puntuale e serio per conoscere al meglio la realtà in cui vivono. Dal sito è inoltre possibile leggere e scaricare il nostro settimanale cartaceo pagina per pagina e visionare articoli, foto, rubriche e le relative inserzioni pubblicitarie.