Aggredisce cittadina straniera: arrestato 46enne napoletano

I sanitari hanno diagnosticato contusioni, escoriazioni multiple, trauma cranico ed una frattura del 5 dito dl piede, con una prognosi di 21 giorni

0
270

polizia torre del grecoIeri mattina, gli agenti dell’Ufficio di Prevenzione Generale, hanno arrestato un 46enne napoletano, B.C. perché sorpreso ad aggredire, violentemente, una cittadina straniera. Verso le 8.20 i poliziotti, durante un normale servizio di prevenzione e controllo del territorio in Piazza Garibaldi, sono stati avvicinati da alcuni passanti che gli hanno segnalato l’aggressione di una donna straniera.




Accorsi immediatamente hanno effettivamente visto un uomo picchiare furiosamente una donna, con calci e pugni e lo hanno visto strapparle la camicetta. Prontamente, e con non poche difficoltà, sono riusciti a bloccarlo, liberando la donna dalla presa. L’uomo ha continuato a dimenarsi pronunciando nel contempo minacce di morte verso la donna. La malcapitata, cittadina domenicana di 48 anni, è stata successivamente trasportata presso l’ospedale Loreto Mare per le cure del caso.

I sanitari hanno diagnosticato contusioni, escoriazioni multiple, trauma cranico ed una frattura del 5 dito dl piede, con una prognosi di 21 giorni. Nel presentare la sua denuncia, la vittima ha riferito di essere stata per due anni la convivente dell’uomo e di aver tentato di interrompere tale relazione da tempo per le continue violenze subite.

Lo aveva più volte cacciato via di casa, cambiando anche domicilio, ma lui non si era arreso. L’aggressione di ieri mattina l’aveva progettata aspettandola in un punto del percorso che la stessa faceva per andare a lavorare. Intanto il B.C., portato in ufficio dai poliziotti per le pratiche di rito, non ha mai smesso di inveire contro la donna.

B.C. ha aggredito anche un poliziotto: soccorso dai medici dello stesso ospedale all’agente è stato diagnosticato un trauma contusivo al polso guaribile in tre giorni. Notiziata l’autorità giudiziaria l’uomo è stato arrestato ed associato alle camere di sicurezza della Questura in attesa del giudizio con rito direttissimo.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteInvasione di zanzare all’ospedale San Giovanni Bosco di Napoli: la denuncia di Francesco Borrelli
SuccessivoSesso orale in piazza San Domenico Maggiore: lo scandalo a Napoli e il pubblico gremito
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.