Cena tra amici termina in carneficina: ucciso anche 31enne napoletano

Quando gli agenti sono arrivati, i segni della carneficina erano ancora evidenti, a partire dalla grande macchia di sangue all'ingresso del condominio

0
1728

Una cena casalinga tra amici in una afosa notte di giugno finita in tragedia: 2 omicidi a sfondo passionale. Le vittime sono un giovane ingegnere napoletano di 31 anni, Biagio Junior Buonomo, e la sua fidanzata russa di 30, Anastasia Shakurova.

Responsabile del folle gesto l’ex compagno di lei, Stefano Perale, 50 anni, un docente formatore, e il luogo in cui si è consumato il delitto è proprio l’appartamento di proprietà dell’uomo, al primo piano di una palazzina in via Abruzzo, una strada dell’immediata periferia di Mestre.




È stato lo stesso Perale, in stato confusionale, a chiamare in piena notte la Polizia e confessare: “Venite, ho ucciso due persone”. Quando gli agenti sono arrivati, i segni della carneficina erano ancora evidenti, a partire dalla grande macchia di sangue all’ingresso del condominio.

L’uomo ha prima fatto bere alla coppia una sostanza narcotizzante, mescolata alle bibite servite a tavola, e poi li ha finiti. Si è accanito prima sulla sua ex soffocandola in camera da letto, forse con un fazzoletto premuto a lungo sul volto, e poi si è accanito contro Buonomo colpendolo a sprangate in cucina e finendolo, secondo una ipotesi, proprio nel palazzo, dopo averlo raggiunto in un disperato tentativo di fuga.

La macchina nera della vittima, che lavorava nel veneziano per seguire il progetto del Superjet russo SSJ-100, è ancora parcheggiata sotto casa del suo carnefice ed è stata più volte sfiorata dagli uomini della scientifica, coordinati dal Pm di turno Giorgio Gava, nel loro andirivieni sul luogo del delitto.

Mentre i cronisti stazionavano sotto casa, è improvvisamente arrivata la madre dell’omicida, insieme ad un parente. Abita poco lontano ed era stata avvertita da un conoscente dell’affollamento di auto della Polizia davanti alla palazzina del figlio. Ha chiesto subito a chi le si è parato davanti cosa fosse accaduto e sono stati gli stessi giornalisti ad accennarle l’accaduto.

Poi è ammutolita e ha seguito gli agenti all’interno dell’appartamento per uscirne quasi un’ora dopo. Nessuno, almeno all’apparenza, ha udito nulla di quanto accaduto nella notte, complice anche il fatto che l’appartamento sovrastante è vuoto perché in vendita. I vicini di casa parlano di Perale come di una persona tranquilla, che si vedeva in giro sempre da sola e che scambiava poche parole con chi incontrava.

Uno solo dei condomini si è accorto del momento in cui l’uomo si è consegnato volontariamente agli agenti, avvolto sino alla testa da una coperta. Di lui parlano soprattutto le foto pubblicate sul profilo Facebook e di un soggetto sorridente e pieno di interessi, conosciuto per organizzare periodicamente gli ‘spritz english’ con gli studenti, incontri per bere assieme l’aperitivo parlando rigorosamente in inglese.

Il legale di Perale, l’avvocato Matteo Lazzaro, ha riferito che nel primo interrogatorio il suo assistito si è avvalso della facoltà di non rispondere. “È molto provato per l’accaduto – spiega – molto stressato”. Il collegio difensivo, di cui fa parte anche l’avvocato Nicoletta Bortoluzzi, ha già provveduto alla nomina di un proprio perito medico legale e sta valutando l’ipotesi di chiedere una perizia ad un secondo consulente.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteSesso orale in piazza San Domenico Maggiore: lo scandalo a Napoli e il pubblico gremito
SuccessivoInferno di fuoco tra Napoli e Pozzuoli: paura per molte famiglie
avatar
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.