Nessuna dieta drastica e nessun vaccino, il 16enne di Pimonte morto per un’aneurisma

3162

pimonte giallo 16enneSono state fatte tantissime ipotesi dopo la morte di Gennaro Somma, 16enne di Pimonte. Inizialmente si pensava ad una dieta drastica; in tarda serata sia il sindaco che il parroco della città, hanno parlato di un vaccino che avrebbe potuto provocare l’arresto cardiaco. Solamente dopo l’autopsia di questa mattina, ordinata dalla Procura di Torre Annunziata, si è conosciuta la causa della morte del giovane: è stata naturale a causa di un problema congenito alla vena aorta. Aneurisma cardiaco che ha stroncato la vita del 16enne.

E’ bastato un esame a chiarire tutti i dubbi presenti sul caso. Le indagini erano affidate ai carabinieri su disposizione della Procura di Torre Annunziata. Molto probabilmente coinvolgeranno alcuni medici del Pronto Soccorso di Castellammare che dovrebbero essere iscritti nel registro degli indagati. Come spiegato da alcuni familiari, qualche giorno prima della morte, Gennaro Somma è stato accompagnato al San Leonardo lamentando dolori al petto e al torace. In quella situazione, però, venne dimesso nel giro di qualche ora tranquillizzando lui e i suoi genitori. Ieri, però, la tragica scoperta: Gennaro è morto durante la notte per un’aneurisma cardiaco.

Nessuno della famiglia era a conoscenza di questa patologia che ha determinato il decesso del 16enne di Pimonte. Sono ancora tanti i dubbi da chiarire nelle prossime ore: i carabinieri continueranno le loro indagini prima di chiudere definitivamente il caso. Intanto nel piccolo centro dei Monti Lattari è stato proclamato il lutto cittadino per rispettare il dolore della famiglia Somma.

L’ultimo saluto a Gennaro Somma questo pomeriggio

Si terranno, invece, oggi pomeriggio i funerali nella chiesa di San Sebastiano a Pimonte. L’ultimo saluto per il “gigante buono” come era soprannominato dagli amici e anche da alcuni insegnanti. Una chiesa che si preannuncia gremita con tutta la comunità di Pimonte che è pronta a stringersi intorno alla famiglia Somma in questo momento di estrema difficoltà.