Castellammare di Stabia: “Regina delle Acque”

438

Un binomio indissolubile consolidato nei secoli, che ha visto Castellammare, celebrata protagonista di scritti e poemi dei maggiori letterati antichi e moderni, che l’hanno incoronata indiscussa “Regina delle Acque”. Gaudente di uno straordinario patrimonio idrologico, Castellammare di Stabia, vanta nel suo bacino idrico, la presenza di ben 28 sorgenti di acque minerali differenti: l’Acidula,la Media, quella della Madonna,la SanVincenzo,la Ferrata, l’Acetosella,la Solfurea,la Magnesiaca, l’acqua Stabia, quella Rossa, l’acqua del Muraglione, solo per citarne alcune, tutte rinomate acque stabiesi, che per la costante composizione fisico-chimica e l’abbondante gittata delle fonti, vengono sfruttate per le cure idropiniche termali utili a curare diversi tipi di patologie. Popolata sin dai tempi più remoti, perché in favorevolissima posizione geografica: Castellammare è adagiata in riva al mare ed è felicemente posta ai piedi del massiccio montuoso del Faito, il “gigante buono” che la sormonta a sud, dal quale confluiscono in modo naturale e non indotto le acque filtrate dalle bianche rocce calcaree di cui è costituito. Per il piacere di leggere e di comprendere l’atavico attaccamento che gli stabiesi nutrono per la cosiddetta “Città delle Acque”, offro al lettore un breve, ma intenso passo poetico dal titolo “Il viaggio da Faito al mare”, con il quale la poetessa stabiese Clara Renzo, spiega magistralmente e con viva fantasia il percorso effettuato dall’acqua prima di giungere a Stabia: “E l’acqua scende. Scorre, salta, scivola, s’infiltra tra pietre e rocce, tra terra e cielo. Ride, urla, rimbomba, canta. Magica fonte come un bambino sull’ottovolante. L’acqua non tace lungo il cammino. L’acqua non mente… E poi, ad un tratto, si calma, si stende, s’acquieta… stanca guerriera che va a riposare in un letto di mare”. Però, come le cose belle destinate a non durare in eterno, il felice binomio tra Castellammare e le acque, rischia di rompersi per i soliti giochi d’interesse che tanto piacciono agli uomini; in questi giorni, infatti, con l’ennesima privatizzazione, le “mani affariste” incredibilmente hanno preso possesso anche di un bene comune, di un diritto primario: la nostra acqua fonte di vita. E pensare che il geniale Raffaele Viviani, anch’egli figlio di Stabia, ci aveva lasciato anzitempo un promemoria, scritto a modo suo per tutti noi, quasi a predire ciò che prima o poi sarebbe accaduto, la “privatizzazione dell’acqua”, figlia della non curanza e dell’indifferenza; tratto da Padroni di barche, ecco lo scritto risalente alla prima metà del 1900, che spero aiuti tutti a riflettere: “Sulo pe’ ll’acqua, Castiellammare avarrì’ a tene’ furtuna! Io fino a chest’età,  nun so’ trasuto maie dint’a na farmacia. Qualunque disturbo, trovo ll’acqua adatta; e ‘o disturbo passa! Embé a ggente va all’ati pparte, e nun vene ccà! E che ce vuò fa’? Le nostre acque so’ comm’ a chelli signorine ca nun ghiesceno ‘a dint’ ‘a casa; o al massimo fanno dduie passe ‘a dummenica pe’ dint’ ‘a Villa, cu ll’uocchie ‘nterra. E quanno so’ ‘e nnove già stanno dint’ ‘o lietto e cu ‘a capa sott’ ‘e ccuperte. Chi ‘e ccunosce? Chi nne parla? Nisciuno! Ll’acqua ‘e ll’ati paise, invece, so’ signurine evolute, attrezzate al commercio, ‘a comme se vestono a comme se presentano; chiene d’etichetta. Nun stanno ‘mbuttigliate: appena se fanno cunoscere, se fanno sbuttiglià! E, comme oggette ‘e lusso, ogne surzo, sette e nuvantacinque! E ll’acque noste? Niente! Eppure è ricchezza ca scorre! Esce d”a terra benedetta pe gghì a fernì pe’ tre quarte dint’ ‘e ffogne! E’ quase nu sacrilegio! N’offesa a Ddio! E comm’a ffiglio ‘e Castiellammare, è na cosa ca nun ce pozzo penzà! St’acqua mm’è ssanghe, mme coce!”   Maurizio Cuomo

Lascia una risposta