Una campagna di comunicazione progettata dai ragazzi per la quinta edizione del Giorno del Gioco

0
195

Comincia la preparazione della quinta edizione del “Giorno del Gioco” che si svolgerà a maggio. Anche quest’anno i ragazzi saranno protagonisti assoluti dell’evento: a loro viene chiesto di ideare e realizzare la campagna di comunicazione della manifestazione.

Il 22 febbraio parte l’iniziativa “Uno spot … per gioco “, un laboratorio residenziale audiovisivo destinato a venti studenti meritevoli dell’Istituto superiore “Rocco Scotellaro” di San Giorgio a Cremano. Il laboratorio, diretto dal regista Bruno De Paola, è finalizzato alla produzione di spot video sul giorno del gioco e si terrà dal 22 al 25 febbraio presso Il Sentiero, una struttura di accoglienza turistica, immersa nel verde del Parco Nazionale del Vesuvio. Con i suoi 45mila mq di riserva naturale che si estendono tra le rocce vulcaniche e la splendida cornice del golfo di Napoli, questo complesso offre uno scenario d’eccezione che stimolerà i ragazzi a concentrare le energie per inventare uno spot d’effetto.

Il progetto, promosso dall’assessorato alla Scuola Infanzia e Gioco, guidato da Luigi Bellocchio, attraverso il Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine, nasce anche dall’esigenza di diffondere i principali argomenti riguardanti il mezzo audiovisivo al fine di appropriarsi di un linguaggio potente e creativo per far esprimere ai ragazzi i propri sogni e desideri.

Obiettivo del laboratorio è contribuire a diffondere nella scuola una cultura cinematografica che si apra anche ai “nuovi linguaggi” del cinema e della televisione. “Convinti del valore formativo dell’operazione – afferma l’assessore Luigi Belloccio – riteniamo che l’uso del mezzo cine-televisivo rivolto ai ragazzi sia utile per rendere questi ultimi partecipi, praticamente e, quindi, criticamente, di quei linguaggi di cui quotidianamente viene fatto un largo consumo. Il laboratorio non solo intende insegnare la pratica dell’uso dello strumento audiovisivo ai partecipanti, ma fare costruire direttamente a loro un piccolo spot televisivo da utilizzare per la campagna di comunicazione dell’iniziativa del Giorno del Gioco, di cui si sentiranno i protagonisti.

Lascia una risposta