Machambo: il ritorno… e il Gragnano vince 4 a 1

189

AEQUAGRAGNANO: Somma, Galasso, Ronaldo Daga, Cuomo G., Rafinha, Viapiana, Paulinho, Lucas Durante, Machado, Anderson, Cuomo A. All. De Angelis
 
CSG PUTIGNANO: Alexander, Ribeiro Izac, Martino, Giotta, Bortolon, Bier Maucio, Zerbini, Luft, Zè Renato, Arellano Ezequiel, Ottoni, Giannandrea. All. Basile
 
RETI: 9′ 50″ Machado (AG), 32′ Machado (AG), 13′ 8 ” Ottoni, 19′ Durante (AG), 19′ 20″ Durante 
 
ARBITRI: Toiani di Teramo e Iacobone di Roma (voto 5)
TIRI LIBERI:1^ tempo nessuno. 2^ tempo nessuno
NOTE: circa 70 spettatori.
AMMONITI: Daga, Cuomo G., Viapiana, Paulinho, Luft e Arellano
ESPULSI: nessuno
INDISPONIBILI: Denis Michieleto per infortunio. Rino Santoro per squalifica.
 
Grande prestazione dell’Aequa Gragnano che non fallisce l’appuntamento obbligato con la vittoria che aveva quest’oggi al Palazzetto di Vico Equense, per riscattare l’improvvido scivolone di Conversano e per rilanciarsi in classifica.
Un Gragnano che parte bene, concentrato, sicuro di quello che vuole e che prende subito in mano le redini del gioco.
Crea molto in avvio ma non riesce a concretizzare le diverse occasioni che gli capitano, come quelle con Rafinha, e raccoglie il meritato pareggio con “Machambo” , rientrante dalla squalfica, che infila con un secco rasoterra Alexeder, dopo l’assistenza perfetta di Daniel Viapiana. In seguito al vantaggio tutti si aspettano la reazione dei pugliesi, ma è ancora il Gragnano a costruire le occasioni più pericolose con i suoi attaccanti e a mettere in evidenza le qualità tecniche del portiere avversario Alesander.
Nella ripresa, il Putignano rientra più determinato, alla ricerca del pari. Ma di fronte trova un Gragnano combattivo che non molla mai, e che, stavolta sa soffrire, senza andare in affanno, per poi pungere in contropiede. Al 12′ recupero palla di Rafinha che si invola come una Ferrari in accellarazione verso la porta avversaria, il portiere gli esce incontro, il brasiliano finta il tiro e serve un assist al bacio a Machado che realizza la rete del doppio vantaggio. Festa sugli spalti e vittoria che si avvicina, ma è Daniel Ottoni a rimettere subito in carreggiata i suoi, con una staffilata dalla media distanza sulla quale nulla può Somma. Gara riaperta e Putignano che tenta a questo punto la mossa del portiere di movimento, che relega i gragnenesi in trincea.
Riappaiono gli spettri della gara con il Fiumicino, ma ad allontanarli è Luca’s Bomb che recuperando palla, centra la porta per ben due volte stavolta con un arma “leggera” e di precisiione, e non le devastanti bombe, ovvero due rasoterra calibratissimi che gonfiano la rete.
Adesso con questa vittoria la classifica si è riaccorciata in coda, ma, occorre dare continuità a questo risultato e la salvezza diretta passa obbligatoriamente per grande prestaziione a Ceccano, che oggi, vincendo a Modugno ha agganciato in classifica proprio il CSG Putignano e ha definitivamente tolto ogni ambizione di vittoria del campionato agli uomini di Bellarte. Comunque la speranza c’è, ed è più grande di quella di sabato scorso, e non è detto che sabato prossimo la fiamma della speranza non sia ancora più viva…

Lascia una risposta