Festa dei Campani nel Mondo: il sindaco di Pompei eletto uomo dell’anno

306

Sette marzo 2010 in occasione della festa Campani nel Mondo, a Brooklyn, New York, presso il Country Club El Caribe, si è tenuto il galà in onore della città di Pompei e del sindaco Claudio d’Alessio eletto uomo dell’anno 2010 e dell’artista napoletano Lello Esposito, presenti per l’occasione il Console generale d’Italia per lo stato di New York Francesco Maria Talo, il Console generale d’Italia per lo stato della Pennsylvania Luigi Scotto, il senatore dello stato di New York Jeffrey d. Klein, il vescovo di Brooklyn and Queens New York, Nicolas Anthony di Marzio. Presenti i presidenti delle 56 federazioni dei campani d’America, oltre che circa 500 campani d’America. La cerimonia e stata ripresa dalla Rai international. Grande attenzione è stata data alla città di Pompei ed alla folta delegazione che ha accompagnato il sindaco di Pompei. Motivo del riconoscimento, è stato l’aver contribuito alla realizzazione nella cattedrale di Washington D.C di una cappella in onore del beato Bartolo Longo,nonché la volontà dell’amministrazione comunale di realizzare nella centralissima piazza Santuario un monumento in memoria dei morti in seguito all’attentato alle torri gemelle( dove anche 13 campani perdevano la vita) il monumento sarà realizzato con una trave di ferro delle torri gemelle. Pompei è stata l’unica città d’Italia a richiedere all’autorità portuale di New York dei cimeli delle torri gemelle per farne un monumento a perenne ricordo del tragico evento. Nella foto compaiono da sinistra verso destra: pasquale carucci nuovo presidente della federazione dei campani d’America, Claudio D’ALessio sindaco di Pompei, l’artista napoletano lello Esposito, Nicola trombetta presidente uscente della federazione campani d’America.

Share
Condividi
PrecedenteCome porteremo i capelli questa estate
SuccessivoStupisce ancora il giovane Centro Basket Torre Annunziata
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo, si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.

Lascia una risposta