Pompei: cento candeline per la signora Ida Baselice

266

La città di Pompei festeggia una nuova centenaria. Si tratta della signora Ida Baselice che, oggi, ha raggiunto la ragguardevole età di 100 anni. A farle gli auguri, presso la sua abitazione, è stato il vicesindaco Ferdinando Uliano che le ha portato gli auguri di tutta la città e il saluto personale del sindaco Claudio D’Alessio, assente per motivi istituzionali. Alla signora Ida Baselice è stata consegnata una pergamena in ricordo dell’evento e un coloratissimo mazzo di fiori composto da rose rosse e mimose. Originaria di Sarno, Ida Baselice vive a Pompei dal 1931 dopo aver sposato un cittadino pompeiano dal quale ha avuto quattro figli: Maria Rosaria, Leone, Sofia ed Ezio. La prima figlia ha 78 anni e l’ultimo 65. Diplomatasi in “economia domestica” all’età di 16 anni, la signora Ida si è sempre presa cura della famiglia e della casa. Vedova da alcuni anni, Ida Baselice, completamente autosufficiente e dotata di una lucidità mentale invidiabile, vive da sola nella sua casa di via Mazzini circondata dall’affetto dei figli, dei nove nipoti e dei due pronipoti. La sua giornata inizia all’alba. “Mi sveglio ogni mattina alle sei – ha raccontato lei stessa – e come prima cosa faccio il caffè. Poi mi lavo, mi vesto e aspetto che mio figlio mi venga a prendere per accompagnarmi al Santuario per la celebrazione della Santa Messa. Tornata a casa, poi, inizio a cucinare per pranzo”. Una vita semplice, la sua, ma felice. Domenica scorsa, la signora Ida ha voluto riunire l’intera famiglia per festeggiare il suo imminente compleanno. Tutti insieme sono andati a pranzo in un ristorante del posto dove la signora Ida ha spento, con molta disinvoltura,  ben cento candeline. La visita del vicesindaco – accompagnato dal responsabile dell’Ufficio Anagrafe, Ferdinando Cataldo, e dalla responsabile dei servizi sociali, Maria Risano –  è stata accolta con entusiasmo da tutta la famiglia che, in maniera unanime, si è congratulata con l’amministrazione comunale per l’efficienza e la cortesia dimostrata.

Share

Lascia una risposta