Castellammare si mobilita: domani in strada il Popolo in nero

152

Dopo la strage di cani avvenuta la settimana scorsa a Quisisana, arriva la manifestazione. Con una lettera indirizzata al popolo di Facebook, Raffaele Ottone, fondatore del comitato di tutela cittadino “Salviamo la Dignità di Castellammare di Stabia”, presente sul popolare social network con un gruppo di ben 3.784 membri, ha lanciato la manifestazione contro le violenze sugli animali che si svolgerà domenica 21 Marzo, alle ore 11,00 con raduno sul lungomare, ai piedi dell’ex Hotel Miramare. La manifestazione. «Chi mi conosce sa che da tempo lotto, non risparmiandomi un minuto, per una Castellammare più civile e decido di scrivere questa lettera in relazione al movimento contro la violenza sui randagi, che sta nascendo nella città di Castellammare Di Stabia. Dopo le ultime mattanze di randagi sui boschi di Quisisana, ho deciso di organizzare la manifestazione contro queste violenze che si svolgerà domenica 21 Marzo, alle ore 11,00 con raduno sul lungomare, ai piedi dell’ex Hotel Miramare». Manifestazione non politica. «In breve tempo ho ricevuto tantissime adesioni, anche da altre zone d’Italia dove ci sono gruppi di animalisti che si stanno organizzando per partecipare e ciò non può che rendermi felicissimo. Voglio però precisare ancora una volta, come ho già fatto ultimamente attraverso i media, che questa non sarà una manifestazione di carattere politico e quindi escludo la presenza di simboli e slogan». Nessuna pubblicità anche per la sua candidatura. «Ciò nonostante io sia candidato al consiglio comunale nella lista “CDL STABIA con Sicignano Sindaco”. Stessa cosa ho chiesto ai rappresentanti di altri partiti, che ho preventivamente invitato, a fare altrettanto, pena la richiesta di allontanarsi dal corteo». Il Popolo nero e la petizione per il canile/gattile. «Tutti i partecipanti sono invitati a portare striscioni, drappi neri e naturalmente gli amici a quattro zampe e in più mi sto organizzando per portare avanti quella stessa mattina, una petizione da firmare, per chiedere l’immediata realizzazione di un canile\gattile e la garanzia di sterilizzazioni e controlli maggiori per gli animali».

Domenica 21 marzo alle 11 i Verdi aderiscono alla manifestazione in villa comunale a Castellammare organizzata dall’Adda e dal Popolo in nero contro la mattanza dei cani randagi. I partecipanti dovranno portare con sé, oltre a drappi neri in segno di solidarietà verso gli animali, anche delle scatolette di cibo. «Temiamo che dietro agli ultimi massacri – spiegano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il segretario cittadino Antonio Iovino – ci possa essere addirittura una setta satanica visto che sul luogo dellamattanza dei cani sono stati ritrovati dei lumini e delle croci capovolte».

Nella giornata di oggi, poi, un rappresentante del Popolo in Nero contro i maltrattamenti verso gli animali si è recato in tutti gli istituti scolastici cittadini per sensibilizzare e coinvolgere il mondo delle scuole alla manifestazione che si terrà domani in villa comunale nei pressi del Miramare. «Abbiamo chiesto la collaborazione di tutti i dirigenti scolastici e di tutti gli studenti e di preparare striscioni e cartelloni e portare con sé qualcosa di nero. Iniziamo a formare le nuove generazioni per

rispettare i nostri amici a quattro zampe». Intanto, il Popolo in nero si sta muovendo al fianco di tutte le associazioni animaliste locali e nazionali (che aderiscono o hanno già aderito alla nostra iniziativa). «Non accetteremo (alla stesso modo di quella politica) la strumentalizzazione di gruppi (Facebook) o fondatori di associazioni  (ufficiali o ufficiose)».

Lascia una risposta