Castellammare: conferenza su “La Sindone, Testimone di una Presenza”

438

I fedeli e gli studiosi chiamati a raccolta per la Sacra Sindone. L’Istituto Superiore di Scienze Religiose “Mons. Raffaele Pellecchia” di Castellammare di Stabia e l’Opera Diocesana Pellegrinaggi sono lieti di annunciare la conferenza diocesana: “La Sindone, Testimone di una Presenza”. L’evento religioso di notevole impatto socio-culturale, si terrà sabato mattina 27 marzo alle ore 10, nella prestigiosa cornice del Museo Diocesano di Castellammare di Stabia situato in Piazza Giovanni XXIII, custodia di importanti reperti di età imperiale, paleocristiana e post romana. Questo evento religioso e socio-culturale anticipa la visita alla Sacra Sindone che sarà possibile fare dal 10 Aprile al 23 Maggio, a Torino. Infatti dopo 10 anni dal Giubileo, il Papa Benedetto XVI rende nuovamente visibile ai fedeli la Sacra Sindone che sarà esposta, nel Duomo di Torino, dal 10 aprile al 23 maggio. La Sacra Sindone, conosciuta anche come sudario o lenzuolo che ha avvolto Gesù crocifisso e deposto dalla croce, è molto conosciuta per il culto creatosi dall’antichità fino ai giorni nostri. La Sacra Sindone è un semplice telo di lino, lungo circa 4,36 m e largo 1,10 m, di colore giallo ocra, sul quale sono visibili impronte che riproducono l’immagine frontale e dorsale di un uomo crocifisso. Seguire le tracce della Sacra Sindone fino ad oggi è un’avventura in cui si confondono i sapori del giallo internazionale, del percorso mistico e dell’epopea cavalleresca. Oggi nonostante si mette in discussione la sua storia e dove non è facile distinguere il vero dal falso, il probabile dal verosimile, non si può che riconoscere nel sudario e nell’immagine raffigurante, l’immensa e calorosa carica spirituale che emana, un’autentica presenza e testimonianza di fede di Cesù Crocefisso. A guidare la Conferenza e a sviluppare l’argomento, sarà l’esperta in Sindonologia, la professoressa Emanuela Marinelli, autrice di ben 13 saggi sullo studio dell’immagine sindonica. La conferenza pubblica, aperta a tutti, costituisce la migliore preparazione per coloro che prenderanno parte, a Torino, alla venerazione della Sindone nei quaranta giorni previsti per l’Ostensione. A tal proposito, l’Opera Diocesana Pellegrinaggi organizzerà il viaggio in treno per la visita, a Torino nei giorni 16-17-18 aprile.

Vincenzo Vertolomo

Lascia una risposta