Kawasaki Versys 2010

263

Ecco la nuova Versys versione 2010, piccole modifiche che oltre a dare un pizzico di personalità in più, hanno incremento ulteriormente l’aspetto funzionale della moto. Le modifiche estetiche hanno interessato il fanale anteriore, con l’utilizzazione di un triplo gruppo ottico e l’adozione di un nuovo cupolino, ora regolabile in altezza su tre livelli di posizioni. Nuovi anche gli specchietti per migliorare la visibilità posteriore e l’aggiunta di ganci sotto il codino, per fissare bagagli volanti sulla sella, anch’essa ridisegnata.
Gli interventi hanno riguardato soprattutto l’estetica, mentre la tecnica è rimasta invariata, confermatissimo il bicilindrico frontemarcia 649 cc raffreddato a liquido, capace di erogare 64 cavalli a 8.000 giri. Anche il telaio è rimasto lo stesso, il classico a diamante in acciaio con forcellone in alluminio. Invariate le sospensioni, riviste solamente nel setting. Una novità apportata riguarda il fissaggio del motore all’interno del telaio, nella vecchia versione fisso, mentre ora elastico, con lo scopo di minimizzare le vibrazioni trasmesse al pilota e passeggero.
L’estrema agilità e adattabilità ad ogni situazioni d’uso sono i punti di forza della nuova Versys.
Appena in sella si intuisce subito la sua dote di moto tuttofare. Manubrio largo, pedane alla giusta altezza, sella ben imbottita, tutto fa pensare ad una grandissima facilità di guida che viene dimostrata non appena si affronta la prima curva. Abbastanza rapida nello scendere in piega e precisa nell’impostare i tornanti, la bicilindrica si adatta tranquillamente e senza sforzi a qualsiasi tipo di guidatore, merito anche di un cambio con innesti precisi e di un’erogazione di potenza del motore fluida e costante. Anche fuori dall’asfalto da belle soddisfazioni, sullo sterrato non troppo impegnativo si comporta degnamente, grazie all’ampia escursione delle sospensioni e dell’avantreno leggero. Il prezzo di listino è di 7.290 Euro e con soli 500 Euro in più si può avere la versione con sistema frenante ABS.
Prezzi veramente a buon mercato per una moto che offre tanta praticità e versatilità di utilizzo.

Domenico Liguori

Share
Condividi
PrecedenteApple svela iPad, il suo tablet Jobs: “Magico e rivoluzionario”
SuccessivoNuova Citroen C3
avatar
Da sempre abituato a vivere con il Gazzettino vesuviano in casa, giornale fondato pochi anni dopo la sua nascita dal padre Pasquale Cirillo. Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 1990, ricorda come suo primo articolo di politica un consiglio comunale di Boscotrecase, aveva 16 anni. Non sa perchè gli piace continuare a fare il giornalista, sa solo che gli piace, e alle passioni non si può che soccombere. "Il mestiere più bello del mondo".

Lascia una risposta