Ottaviano: l’analisi dei dati una settimana dopo il voto

188

Ormai a tornata elettorale chiusa, vincitori e vinti tirano le somme. Tempi di bilanci, analisi e statistiche, che il Prof. Antonio Tuccillo, come già aveva fatto per la scorsa tornata elettorale del 2009 (Europee – Provinciali – Amministrative) mette nero su bianco. Molti i dati che si evincono in questo elaborato, presentato al pubblico pochi giorni fa. “Le presenti analisi – esordisce il prof. Tuccillo presentando il suo lavoro – seguono le riflessioni che ebbi modo di fare a proposito delle elezioni Europee, Provinciali e comunali del giugno 2009”. Un lavoro come sempre molto preciso e ricco di dati e da non perdere. Ciò che è evidente, è la sonora e lapidaria sconfitta del centrosinistra ad Ottaviano. Netto calo per i partiti del centrosinistra a livello regionale, come Il PD che scende da 900 mila voti (2005) a 600 mila, mentre Rifondazione Comunista passa da 200 mila a 40 mila voti. Alle regionali hanno votato solo 11.545 ottavianesi elettori pari al 60,87% degli aventi diritto. I delusi sono aumentati del 24,33% rispetto alle provinciali dello scorso anno quando votò l’85,20%. Ma se sono calati i consensi per il centrosinistra, anche la coalizione vincitrice deve registrare rispetto al 2009 un calo pari al 7,13%. “Le candidate donne – spiega Tuccillo – sono state favorite in queste elezioni dalla legge elettorale della Regione Campania, che prevedeva l’obbligo della seconda preferenza diversa per genere”. L’analisi si snoda, mettendo in evidenza i candidati con maggior preferenze acquisite e termina con una tabella nella quale sono riportate le variazioni e le conferme del quadro politico-amministrativo verificatosi dal 2009 al 2010.

Pasquale Annunziata

Share

Lascia una risposta