Agerola e Pimonte: ondata di furti notturni, indagano i carabinieri

298

Ondata di furti la scorsa notte tra Agerola e Pimonte. Ben quattro colpi sono stati messi a segno tra i due Comuni dei monti Lattari, lungo la strada statale 366. I banditi sono presumibilmente entrati in azione prima a San Lazzaro, frazione di Agerola, dove hanno svaligiato un’abitazione, prima di prendere la via di Bomerano: altro appartamento, altro colpo riuscito. In totale sono stati portati via, tra le due case agerolesi, circa 3 mila euro in contanti e oggetti preziosi. Sempre a Bomerano, i ladri hanno fatto un’altra “sosta”, trafugando circa 500 euro tra denaro e merce da una salumeria. La notte di paura non è ancora finita, però. Infatti, sempre sull’asse della statale 366 è stato messo a segno il quarto colpo, stavolta in un bar al centro di Pimonte. È stata prima forzata la saracinesca del locale che, successivamente, è stato depredato di denaro e merci per un valore stimato che si aggira intorno ai 300 euro. A questo punto, quella che sembra essere una banda specializzata ha tagliato la corda, presumibilmente in direzione Castellammare o Napoli. Di primo mattino, poi, sono arrivate le tante telefonate ai carabinieri che hanno immediatamente avviato le indagini. Si cercano testimoni che abbiano potuto notare anche solo qualche dettaglio. Inoltre, i militari dell’arma stanno cercando di capire se esistono filmati di telecamere a circuito chiuso di qualche esercizio commerciale o banca che abbiano potuto riprendere qualche scena dei furti. Le indagini sono affidate ai carabinieri della compagnia di Castellammare di Stabia che, agli ordini del capitano Giuseppe Mazzullo e del tenente Andrea Minella, non tendono ad escludere alcuna pista. Molto facile che possa trattarsi di una banda specializzata dell’area stabiese-torrese, del napoletano o addirittura di stranieri residenti in provincia. Inoltre, si cercano elementi simili tra l’ondata di furti avvenuta nei mesi scorsi tra Gragnano, Lettere e Pimonte, e quella della scorsa notte.

Dario Sautto

Share

Lascia una risposta