San Gennarello di Ottaviano: divelti di nuovo i cartelli stradali

449

Era già successo la settimana scorsa. Pochi giorni fa, i vandali hanno concesso il bis. E’ successo a San Gennarello di Ottaviano, ove per la seconda volta sono stati divelti e rubati i segnali stradali che facevano parte del nuovo piano del traffico da poco attuato per la frazione del comune vesuviano. Si trattava di segnaletica stradale che impediva il transito agli autocarri con portata superiore ai sei quintali e mezzo nelle strade con carreggiata insufficiente a permettere il passaggio di quei mezzi. L’atto vandalico è avvenuto come sempre nella notte, e anche se l’ammontare economico dei danni è sull’ordine di poche centinaia di euro è soprattutto il gesto a far male, perché fa pensare ad una mente, che dall’esterno, stia guidando questi attacchi, in primo luogo all’amministrazione del Sindaco Mario Iervolino, che ha attuato e ideato questo nuovo piano della viabilità, condiviso anche con consiglieri dell’opposizione, per snellire il traffico della frazione ottavianese.

Ricordiamo che nell’area oggetto dell’intervento sono ancora in corso di esecuzione i lavori di riqualificazione di piazza San Gennarello che paralizzano, sia pure in parte, la viabilità. Il piano del traffico è stato approvato dal dirigente del settore, ovvero dal comandante dei vigili urbani Vincenzo Acerra, previa discussione e sopralluogo effettuato con la prima commissione tecnica consiliare presieduta dall’Arch. Michele Saggese. La richiesta di piano del traffico è stata fatta da cittadini sangennarellesi esasperati che si sono rivolti sia al consigliere della minoranza e membro della commissione tecnica, Avv. Paolo Iovino, sia al comando locale della polizia municipale. Per il momento è compito del comandante della polizia municipale riproporre lo stesso piano provvedendo comunque alla denuncia contro ignoti per danneggiamento e furto presso la procura di Nola. “Questa amministrazione – dichiara l’Arch. Saggese – non lascerà nulla di intentato fin quando amministrerà, nel cercare di migliorare la vivibilità del paese e non si lascia intimidire da questi atti vandalici e prosegue in questo cammino di ripristino e di rispetto delle regole. Fattore altamente positivo – continua Saggese – è la totale condivisione di questi obiettivi da parte della minoranza che su questi temi, soprattutto nella commissione tecnica consiliare, è molto propositiva e collaborativa”. Insomma, le regole non vengono rispettate e si sceglie la forza. Quello che si spera e che questi atti criminali possano concludersi, per ristabilire l’ordine e la legalità, in una frazione come San Gennarello, popolata da lavoratori e gente perbene, che non possono omologarsi a questi atti quasi criminali.

Pasquale Annunziata

Share

Lascia una risposta