Provincia di Napoli, Federazione delle Sinistre: “No alla privatizzazione dell’acqua”

0
111

Un diritto universale e non una merce. Dal Consiglio Provinciale di Napoli arriva un no secco alla privatizzazione dell’acqua. L’Assemblea ha infatti approvato, nel corso della seduta tenutasi quest’oggi nell’aula di Santa Maria la Nova ed appena conclusasi, un ordine del giorno proposto dal Capogruppo di Federazione delle Sinistre, Tommaso Sodano, con cui si impegna ad “intraprendere tutte le azioni opportune al fine di contrastare i provvedimenti che condurranno alla messa a gara della gestione del servizio idrico integrato ed alla consegna dell’acqua ai privati entro il 2011”. Con l’approvazione del documento, il Consiglio ha “riconosciuto l’accesso all’acqua come diritto umano, universale, indivisibile, inalienabile e lo status dell’acqua come bene comune, confermando il principio della proprietà e della gestione pubblica del servizio idrico integrato e di tutte le acque, superficiali e sotterranee, anche se non estratte dal sottosuolo, che costituiscono una risorsa da utilizzare secondo criteri di solidarietà”. “Quello idrico – spiega Sodano nell’ordine del giorno – è un servizio pubblico locale privo di rilevanza economica, in quanto essenziale per garantire l’accesso all’acqua per tutti e pari dignità umana a tutti i cittadini. La sua gestione va quindi attuata in maniera diversa dagli altri servizi, per i quali le nuove disposizioni normative introdotte da questo governo vanno verso una privatizzazione sempre più spinta”. “Le stesse norme in base alle quali l’acqua, purtroppo – conclude il Capogruppo – potrebbe o, addirittura, dovrebbe essere privatizzata. E proprio contro questa eventualità che il Consiglio Provinciale, dopo l’approvazione di questo documento, si batterà”.

“Il voto che ha portato quest’oggi il Consiglio Provinciale di Napoli ad approvare un ordine del giorno, presentato dal Consigliere Tommaso Sodano, contro la privatizzazione dell’acqua ha evidenziato una volta di più le spaccature e le contraddizioni che esistono, sul piano politico, nel centrodestra in generale e nel PdL in particolare”. Così Livio Falcone, Consigliere del Partito Democratico alla Provincia di Napoli. “Ben quattro esponenti del Popolo della Libertà – ha spiegato Falcone – tra cui addirittura il Capogruppo Domenico De Siano, neo eletto al Consiglio regionale, il Presidente del Consiglio Luigi Rispoli, i Consiglieri Serena Albano e Ottavio Delfino, hanno votato contro la privatizzazione dell’acqua in aperto contrasto con il presidente della Provincia, Luigi Cesaro, ed il resto del Gruppo, favorevole invece all’affidamento della gestione ai privati, mentre il Consigliere Manlio Marano si è astenuto”. “Come già sottolineato in altre occasioni – ha aggiunto l’esponente del Pd – il centrodestra riesce a trovare unità solo sulla gestione del potere, come ad esempio sulle nomine, mentre quando si tratta di affrontare questioni di carattere politico, in questo caso di particolare importanza ed oggetto di approfondimento anche sul piano nazionale, non è capace di esprimere una posizione comune e condivisa”. “Il voto di oggi dell’Assemblea – ha concluso Falcone – è stato invece di grande interesse perché ha sancito il principio dell’accesso all’acqua quale diritto inalienabile di ciascun individuo, che deve essere garantito attraverso una gestione che sappia ottimizzare le risorse, eliminando sprechi ed inefficienze, ma che resti saldamente nelle mani degli Enti locali e dei cittadini non offrendo il fianco a speculazioni da parte dei privati”.

Lascia una risposta