Turris sconfitta dal Pisticci. Ma domenica col Francavilla Ft può arrivare la salvezza

199
Giovanni Longobardi

Spesso nel calcio, come nella vita, sono le motivazioni a fare la differenza. Pisticci-Turris ne è una prova lampante. Finisce 1-0 lo scontro tra i jonici (immischiati come non mai nella bagarre salvezza) e i campani (con la salvezza ormai a portata di mano). Il primo tempo è abbastanza scialbo. Il Pisticci tiene il pallino del gioco, ma infruttuosamente. D’Aniello, telefona a Sorrentino dalla distanza dopo 12 minuti. Al 21’Longobardi si fa anticipare sottoporta su corner. Parente crea qualcosa ancora da sinistra, ma viene chiuso al momento del cross. Poi, al 37’, Russo si fa recuperare dai difensori in una delle poche sortite offensive. Al 40’ ancor Parente va giù in area, ma si fa pescare dall’arbitro in simulazione.
Nella ripresa il Pisticci prova a cambiar marcia. Entra Lupacchio per D’Aniello e la manovra offensiva pisticcese si fa più incisiva, perché i jonici ne beneficiano in fatto di dinamismo. Il gol, però, lo sfiora Montariello che al 2’ va di sinistro da ottima posizione e trova un ottimo Marino, abile a deviare in angolo. La replica gialloble arriva al 12’: cross da sinistra di Polichetti, controllo al limite dell’area di Lupacchio, che poi è un invito al tiro per Palladino:la conclusione è potente, ma centrale. Poi, al 17’, Parente spara alto sulla migliore azione gialloble.
Il gol dei gialloble arriva, tuttavia, al 19’ con Polichetti che segna su assist di Parente e con la complicità di Noviello, che la tocca per ultimo. Russo, alla mezz’ora, ha la palla per pareggiare, ma spara alto dopo aver ricevuto sottoporta. Poi al 38’ Sorrentino cade male dopo una uscita. Momenti di panico. Interviene l’ambulanza che trasporta il numero uno corallino all’ospedale Poliporo, dove sarà ricoverato per un trauma toracico.
Al 55’, dopo un recupero interminabile, Longobardi colpisce la traversa con un velenoso pallonetto. È dunque rimandata la festa per la salvezza diretta, la quale potrebbe, comunque, arrivare domenica contro il Francavilla Fontana. Non sarà certo facile, però, vista la classifica drammatica (penultima posizione) dei prossimi ospiti del Liguori, reduci dalla vittoria casalinga con l’Ostuni. La turris vanta, invece, sei punti di lunghezza sul Bitonto, con quest’ultimo avente soli nove punti a disposizione, in quanto ha disputato una gara in più rispetto ai torresi. Mandragora invita alla calma e chiede concentrazione ai suoi, “un ultimo sforzo per onorare al meglio l’affetto mostratoci dai nostri supporters nel corso di quseta complicata annata. Inoltre poter disputare eventualmente le altre tre partite con la permanenza in categoria acquisita ci può dare l’opportunità di provare qualche ragazzo interessante e di schierare chi è sceso in campo di meno”.

Michele Di Matteo

Lascia una risposta