Bulgaria, un paese da scoprire

321

Lo stato bulgaro fu fondato nel 681 dall’unione di tre popolazioni – slavi, traci e proto-bulgari. Nel IX secolo la Bulgaria fu il primo paese slavo a convertirsi al cristianesimo ortodosso. Nel 1393 la nazione fu invasa dall’Impero Ottomano e soltanto quasi 5 secoli dopo (nel 1878) riconquistò la sua indipendenza. Dopo la caduta del regime comunista nel 1989, nel luglio 1990 entrò in vigore la nuova costituzione. Oggi è una repubblica parlamentare. La Bulgaria è entrata nella NATO il 29 marzo 2004 ed è diventata membro dell’Unione Europea il 1 gennaio 2007. E’ un piccolo paese, vasto poco più di un terzo dell’Italia,  con i suoi quasi 8 milioni di abitanti. Credo che i fatti storici aiutino moltissimo a scoprire come è fatto un paese ma per capire come ci si vive bisogna sicuramente farci una breve vacanza alla scoperta dei suoi piccoli segreti. Sofia, una delle capitali più belle dell’ Est europeo, rappresenta il posto ideale per iniziare una visita della Bulgaria. Il centro storico della città è un vero e proprio museo all’aperto con la grandiosa cattedrale  di Alexandar Nevski, il simbolo della città, in stile bizantino, cui si affianca la Chiesa di Santa Sofia. Altri luoghi di interesse turistico da non perdere sono il Municipio, il Monumento allo Zar e il Palazzo dei Congressi, una delle migliori strutture del genere in tutta l’Europa orientale. I monasteri di Bulgaria sono un’altra tappa molto frequentata, di cui il più famoso è il monastero di Rila. Con i suoi 3 parchi nazionali, 10 parchi naturali e 90 riserve naturali, all’interno dell’Unione Europea il paese sta al secondo posto (dopo la Spagna) per numero di riserve della biosfera UNESCO. In inverno, i luoghi più visitati sono le località sciistiche di alto livello come Borovets (nei Monti di Rila), Bansko (la più famosa) e Pamporovo (nei Monti Rodopi). La zona turistica più frequentata, senza alcun dubbio è la costa del Mar Nero. La città di Varna rappresenta il più grande porto commerciale e turistico della Bulgaria. Per chi ama il divertimento ci sono dappertutto numerose discoteche, club e locali – la vivace vita notturna delle villeggiature marine attrae sempre il turista  dal carattere avventuroso. Per chi vuole scoprire la musica e la cucina locale, vi sono i ristoranti dove si può sentire la musica popolare “folk” (una canzone folk di Valya Balkanska è stata registrata sul Voyager Golden Record, lanciato nello spazio dalla NASA) e assaggiare i piatti tipici. Il più famoso alimento bulgaro è lo yogurt. Gli amanti della tradizione, troveranno nelle più grandi città dei ristoranti italiani dove si può mangiare la pasta e la pizza. La città di Koprivshtitsa è un museo all’aperto che con la sua architettura conserva lo spirito del Rinascimento bulgaro. Nel ‘800 fu centro di movimenti contro l’Impero Ottomano, in quel posto vissero i più celebri rivoluzionari del tempo la cui attività portò alla liberazione del paese. Oggi le loro case rappresentano gran interesse per i turisti – lì dove uno può sentirsi vero e proprio protagonista della storia bulgara. Situata nel cuore dei Balcani, la Bulgaria è uno degli stati più antichi del continente europeo, dove tradizione e modernità convivono in perfetta armonia. Il visitatore rimane attratto dalla diversa cultura locale, irresistibile nella propria semplicità, dalla ospitalità della gente, dalle bellezze naturali ed artistiche di sorprendente fascino che ti lasciano sempre qualcosa da scoprire.

Anna Beykova


Share

Lascia una risposta