Ondata di calore. Inaugurate nuove docce e bagni pubblici anche per disabili alla Rotonda Diaz.

197

Un tuffo nello specchio d’ acqua antistante la spiaggia della Rotonda Diaz e una rinfrescata nelle moderne docce pubbliche istallate dal comune. Così i Verdi hanno festeggiato la balneabilità della costa napoletana e l’ istallazione dei nuovi servizi da parte del comune. “Quella per le docce pubbliche – commentano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il capogruppo al comune Luigi Zimbaldi – è una battaglia storica degli ambientalisti per dare un servizio sulle spiagge libere della città. Stamattina alcuni teppisti avevano già vandalizzato i soffioni e le maniglie istallate ieri ma per fortuna dopo l’ esperienza dell’ anno scorso il servizio risorsa mare del comune aveva già provveduto a sostituirle. Sappiamo già che dovremo combattere tutta l’ estate contro questi soggetti incivile ma vinceremo come l’ anno scorso la battaglia anche con l’ aiuto dei fruitori storici di “Mappatella beach”. “Il nuovo sistema di docce – continuano Borrelli e Zimbaldi – è estremamente moderno con una struttura in legno dove ci sono 5 soffioni per potersi fare la doccia e 3 bagni-spogliatoio di cui uno con pedana per persone disabili”. “Le aree balneabili di Napoli – spiega l’ Assessore all’ Ambiente del Comune di Napoli Rino Nasti che ha provveduto a fornire la spiaggia di tutti i moderni servizi – sono aumentate rispetto all’ anno scorso per questo sempre sul lido abbiamo fatto istallare una grande tabella della costa cittadina”. “Ringraziamo il comune e i Verdi- ha raccontato Angelo Solinto pensionato e frequentatore da anni della spiaggia – che hanno creduto nella valorizzazione di questo luogo. Ogni mattina il servizio risorsa mare pulisce il lido e controlla docce e bagni. Vengono fatti continuamente controlli della qualità dell’ acqua. Personalmente mi sento più sicuro qui anche rispetto al mare della Grotta Azzurra di Capri”. All’ iniziativa hanno preso parte anche il consigliere municipale Roberto Russo ed il responsabile dei giovani Verdi Marco Gaudini.

Share

Lascia una risposta