Castellammare: lo accoltellano perché fa rumore, arrestati tre fratelli

209

Stava per finire in tragedia una lite per futili motivi avvenuta nel rione Moscarella, periferia di Castellammare di Stabia. Tre fratelli hanno accoltellato un uomo perché lui e la sua famiglia facevano troppo rumore, e sono stati arrestati nel primo pomeriggio di ieri dalla polizia per tentato omicidio. In manette sono finiti Salvatore, Nicola e Francesco Donnarumma, rispettivamente di 41, 43 e 35 anni, fratelli, residenti in un condominio del rione Moscarella. I fatti sono avvenuti dopo la mezzanotte di martedì in una palazzina del popoloso quartiere stabiese. Aniello Di Martino, 40 anni, era andato a trovare alcuni parenti nel condominio del rione Moscarella. Nonostante la tarda ora (era quasi l’una), lui ed i suoi congiunti si erano seduti al balcone a parlare, secondo testimoni, ad alta voce. A quel punto, tre persone a loro volta si sono affacciate ad una finestra chiedendo il silenzio. Di lì è nata una discussione molto accesa che non è terminata. Anzi, il diverbio è proseguito nelle scale, fin nel cortile del condominio stabiese. Quando Di Martino è sceso da casa dei parenti, ha incontrato i tre fratelli Donnarumma ancora lì ad aspettarlo: la nuova discussione, però, è durata molto poco poiché uno dei tre ha estratto dalla tasca un coltello e, mentre gli altri due bloccavano Di Martino, l’ha trafitto con alcuni fendenti all’addome. I tre uomini, poi, si sono dati immediatamente alla fuga, mentre il 40enne era costretto a terra in una pozza di sangue. Di Martino è stato immediatamente soccorso e trasportato al vicino ospedale San Leonardo, dove è tuttora ricoverato in prognosi riservata per le ferite riportate. Le sue condizioni sono gravi ma non è ritenuto in pericolo di vita. Sul luogo della violenta aggressione si sono immediatamente recati gli agenti del commissariato di polizia di Castellammare che, agli ordini del primo dirigente Luigi Petrillo e del vicequestore Stefania Grasso, hanno subito avviato le indagini. Dopo aver ascoltato i parenti del ferito, i poliziotti si sono subito messi sulle tracce dei tre fratelli Donnarumma, la cui fuga è durata alcune ore, fino al primo pomeriggio di ieri, quando Salvatore, Nicola e Francesco sono stati dichiarati in arresto. Ora i tre sono in attesa della convalida del fermo. Ad aggravare la posizione dei fratelli Donnarumma ci sono i futili motivi che hanno portato al ferimento del 40enne.

Share

Lascia una risposta