Il consigliere Pdl Granata risponde alla provocazione avanzata su facebook dal consigliere d’opposizione Ambrunzo

211

Negli ultimi giorni, su facebook, il consigliere di minoranza, Michelangelo Ambrunzo ha provocatoriamente chiesto che San Pietro di Scafati diventasse comune autonomo.


A rispondere alla discussione virtuale è il consigliere di maggioranza –Pdl- Andrea Granata: «Quelli che fanno la proposta di rendere San Pietro autonoma sono gli stessi che in passato raccoglievano larghi consensi che mai hanno utilizzato nell’interesse delle contrade. I comunisti soffrono la lontananza dal potere e dalla gestione della cosa pubblica e pensano che dividendo la città possano riacquistare quelle credenziali che ormai hanno perso. In passato, proprio i compagni della sede comunista di San Pietro, durante la loro gestione hanno dimostrato chiaramente quali fossero i loro obiettivi: la cura degli interessi economici attraverso la realizzazione del Gymnasium e del Plaza. Strutture che hanno prodotto, in questi anni, di sicuro economia ma certamente non a vantaggio di San Pietro. Se la divisione deve avvenire per continuare su queste logiche noi cittadini di San Pietro non ci stiamo. La verità è che a volere la divisione sono le solite famiglie che, lontano dal potere soffrono».

Il consigliere Granata non perde occasione per ricordare anche quanto fatto finora e cosa sarà realizzato dall’attuale amministrazione retta dal sindaco Pasquale Aliberti «Per San Pietro sono stati anche progettati una serie di interventi relativi all’assetto viario, a partire da via Poggiomarino, via Terze e dal Centro Polivalente di San Pietro, e i lavori non sono partiti solo per motivi burocratici. Dal punto di vista delle iniziative sociali, a San Pietro sono state dedicate sedici serate d’estate. San Pietro deve rimanere una parte fondamentale di Scafati per la sua storia e per la sua cultura. Probabilmente questi compagni sono abituati ai salotti buoni e alle stanze dei bottoni, avendo perso, ormai, la dimensione popolare».

Lascia una risposta