Castellammare: ancora grave la donna che ha ingerito ammoniaca

182

Resta in gravi condizioni la donna stabiese di 80 anni che domenica mattina ha ingerito per sbaglio ammoniaca durante le pulizie domestiche. È ancora ricoverata all’ospedale Cardarelli di Napoli, ed è stata sottoposta ad un delicato intervento allo stomaco, che risultava gravemente danneggiato dall’ammoniaca che aveva ingerito. Ieri mattina, infatti, gli agenti del commissariato di Castellammare di Stabia, che conducono le attività investigative sul caso guidati dal primo dirigente Luigi Petrillo e dal vicequestore Stefania Grasso, hanno ascoltato la figlia dell’anziana, colei che aveva allertato i soccorsi. Secondo il racconto della donna, l’anziana stava lavando il lavandino del bagno ed aveva poggiato un bicchiere pieno di ammoniaca sul davanzale, in attesa di versarlo nel secchio per passare alla pulizia del pavimento, quando per errore ha scambiato quel bicchiere per acqua e l’avrebbe ingerito. La figlia è giunta nell’appartamento dell’80enne trovandola riversa sul pavimento, agonizzante. Subito il trasferimento in ospedale a Castellammare, il trasferimento dal San Leonardo al Cardarelli e l’intervento chirurgico che, secondo i medici, potrà salvarle la vita. Un incidente domestico, dunque, che stava per trasformarsi in tragedia. La donna, infatti, nonostante l’età, viveva da sola a casa, nel suo appartamento a Castellammare, e proprio domenica mattina stava per ricevere la visita della figlia. Per fortuna la donna è giunta in tempo per chiamare i soccorsi. L’anziana adesso, dopo l’operazione allo stomaco, si avvia ad un lungo e delicato decorso post-operatorio e, secondo i medici del Cardarelli, ci sono buone probabilità che la donna non riporti gravi danni all’apparato digerente, dunque di salvarle la vita. Importanti saranno le prossime 24 ore.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta