Napoli: un mercato di scambi e cessioni. Tutti i movimenti degli azzurri

167

Il mercato del Napoli ha del clamoroso nelle ultime ore. Prima della chiusura Leandro Rinaudo non è andato né al Bari, né al Lecce, ma alla Juventus. De Laurentiis lo ha trasferito al club bianconero in prestito con diritto di riscatto fissato a 6 milioni. Il club azzurro ha subito scelto il sostituto dell’aitante stopper palermitano Emilson Cribari che arriva ufficialmente al Napoli a titolo definitivo per 500 mila euro. Gli azzurri escono da questa sessione di mercato sicuramente rinforzati nelle riserve, ma non nei titolari: se i tifosi si aspettavano l’acquisto che facesse fare il salto di qualità a questa squadra, purtroppo sono rimasti delusi. Il Napoli ha fatto un mercato lungimirante, cercando di non modificare e sminuire la forza dell’organico della passata stagione, ma chi si aspettava grandi colpi da De Laurentiis per dare il “quid” che mancava a questa squadra, siamo spiacenti ma non è arrivato. Come ci è sembrato molto inusuale che una squadra che ha bisogno di almeno 7 acquisti, si riduca ad ufficializzare gli ultimi quattro negli ultimi due giorni di mercato. La società in questa campagna acquisti non ha investito molti soldi, anzi ci verrebbe da dire che non ha speso nulla, ammortizzando gli acquisti con i soldi delle cessioni. Il mercato di questa stagione non è neanche la controfigura di quello della passata stagione, dove gli azzurri investirono cinquanta milioni di euro, e fu la regina del mercato, presentando con i gioielli di famiglia in pompa magna stile Hollywood. Sono finiti i soldi? O un anno di standby negli investimenti fa parte del progetto Napoli che dovrebbe portare questa compagine in tre anni a vincere lo scudetto o la Champions? Ecco, comunque, il borsino del mercato partenopeo:

Acquisti: Cavani 100% (prestito oneroso a 5mln e riscatto a 12mln da pagare in 4 anni, Palermo), Lucarelli 100% (prestito gratuito con diritto di riscatto, Parma), Yebda 100% (in prestito con diritto di riscatto, Benfica), Sosa 100% (a titolo definitivo, 2,5mln più bonus, Bayern Monaco), Dumitru 100% (prestito oneroso a 1,5lmn e comproprietà a 1,5mln, Empoli), Cribari 100% (a titolo definitivo,  500mila euro, Lazio).

Cessioni: Mannini 100% (rinnovo comproprietà, Sampdoria), Calaiò 100% (a titolo definitivo, 1,2mln, Siena), Contini 100% (a titolo definitivo, 2,2mln, Real Saragozza), Datolo 100% (prestito oneroso a 350mila euro, riscatto a 6,3mln, Espanyol), Hoffer 100% (prestito oneroso a 350mila euro e diritto di riscatto, Kaiserslautern), Palumbo 100% (in prestito, Aversa Normanna), Bogliacino 100% (prestito con diritto di riscatto a 1,1mln, Chievo Verona), Bruno 100% (in prestito, Cisco Roma), Navarro 100% (rescissione contrattuale), Cigarini 100% (prestito oneroso a 350mila euro con diritto di riscatto a 7mln più bonus, Siviglia), Liccardo 100% (in prestito, Paganese), Varriale 100% (in prestito, Avellino), Insigne 100% (in prestito, Foggia), Denis 100% (comproprietà 2mln, Udinese), Amodio 100% (in prestito, Portogruaro), Monda 100% (in prestito, Sanremese), D’Urso 100% (in prestito, Fondi), Zalayeta 100% (rescissione contrattuale), Quagliarella 100% (prestito oneroso a 4,5mln con riscatto a 10,5mln, Juventus), Rinaudo 100% in (prestito con diritto di riscatto a 6mln, Juventus), Ciano 100% (in prestito, Cavese), Ammendola 100% (in prestito, Aversa Normanna), Pià 100% (in prestito, Portogruaro), De Zerbi 99% (rescissione contrattuale, Cluj). Dalla Bona (in comproprietà con l’Atalanta).

Ultimo lavoro per il bravissimo Ds Bigon, che ha fatto dei mezzi a disposizione necessità virtù, infatti in questi giorni provvederà a rescindere i contratti agli esuberi (Rullo e Bucchi) e sfoltirà ulteriormente la rosa. Rimarrà in squadra lo stabiese Vitale: sarà lui l’alternativa a Dossena sulla sinistra. Ormai il mercato è chiuso e non si può pensare a ciò che è stato e quello che poteva essere, questi sono i giocatori che il Napoli avrà a disposizione nella propria rosa, alla conquista dell’Europa League e dell’obiettivo Champions in campionato.

Cosimo Silva

Share

Lascia una risposta