Salernitana-Paganese: un derby da dimenticare

187

Il derby di lunedì sera, Salernitana-Paganese, è l’esempio lampante di come si possa continuare a  parlare di un incontro di calcio per ben due giorni dopo il triplice fischio finale senza mai parlare di quello che è successo sul rettangolo di gioco, di tattica, tecnica. Infatti, giustamente, non si fa altro che parlare del raptus di follia che ha preso dei delinquenti di entrambe le tifoserie e che ha macchiato quello che doveva essere un bell’incontro di calcio, all’insegna del gemellaggio che c’era tra le 2 tifoserie, e che aveva portato allo stadio tante famiglie con i propri bambini. Al fischio iniziale si sentiva un aria di festa che tranquillizzava anche i più scettici, ma era solo apparenza, e lo era anche quando verso il 30esimo del primo tempo i tifosi della Paganese, si meritano l’applauso di tutti i presenti allo stadio alzando uno striscione in cui c’era scritto: “Vassallo come Torre” in riferimento agli ultimi fatti di cronaca che hanno interessato il comune di Pollica e che hanno portato all’uccisione del primo cittadino del paese, paragonandolo all’avvocato Marcello Torre, ex sindaco di Pagani assassinato anch’egli dalla malavita organizzata. Solo apparenza, infatti nell’intervallo i tifosi azzurrostellati hanno iniziato a devastare il Bar dello stadio e hanno ferito il gestore del Bar stesso, poi sono iniziati i tafferugli con la polizia, e poi, alla faccia del gemellaggio, iniziano le colluttazioni con i tifosi granata e si sono vissuti attimi di pura follia che hanno portato al ferimento di 4 persone. Al diavolo il gemellaggio, questo sarà balenato nelle menti folli di quei criminali, senza sapere che il gemellaggio non è altro che un momento in cui due tifoserie avversarie si rispettano all’insegna del fair play, e si può assistere alla partita senza aver paura di essere malmenati da qualcuno, beh questo dovrebbe essere un “postulato” del calcio e dello sport in generale, ma siccome ormai siamo abituati a vedere ben altro abbiamo imparato a chiamarlo gemellaggio. Ovviamente tutto è stato ripreso dalle telecamere della Rai che trasmetteva quello che doveva essere un incontro di calcio, e quello che più fa male era vedere alcuni bambini versare lacrime di paura come se fossero stati in un campo di battaglia anziché in un campo di calcio.

Giuseppe Falanga

Lascia una risposta