Blocco della statale a causa del sit-in degli operai Fincantieri, il Comune di Sorrento scrive al Governo

174

Solidarietà con le maestranze della Fincantieri a rischio lavoro, ma anche preoccupazione per le ripercussioni sull’economia costiera e per i disagi subìti dai residenti.

E’ quanto espresso in una lettera inviata stamane dal sindaco e dall’assessore al Turismo di Sorrento, Giuseppe Cuomo e Gaetano Milano, al presidente del Consiglio dei ministri, Silvio Berlusconi, al ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi e al prefetto di Napoli, Andrea de Martino.

“L’ennesimo blocco della strada statale sorrentina – spiegano gli amministratori – procura alle nostre realtà molteplici e gravi effetti negativi soprattutto sul fronte turistico, dove si registrano timidi segnali di ripresa in ragione dei quali si può motivatamente confidare nel superamento della difficile congiuntura economico finanziaria”.

Indispensabile, per Cuomo e Milano, che le autorità competenti si adoperino per scongiurare altri blocchi del traffico come quello avvenuto stamane.

“Alle stesse autorità si chiede di adoperarsi per fare in modo che le relazioni industriali possano trovare in un tavolo di confronto, anche serrato, l’ambito ideale per individuare soluzioni concretamente utili a tutti – si legge nel documento -. Con la presente, in ogni caso, ci si rende interpreti delle legittime e comprensibili doglianze della popolazione, dell’utenza turistica e delle associazioni di categoria presenti sul territorio di competenza che, a vario titolo, finiscono con il subire le conseguenze di situazioni come quella rappresentata”.

Il sindaco Cuomo ha inoltre reso noto di essersi rivolto al senatore Raffaele Lauro affinché intervenisse, presso il prefetto de Martino, per sollecitare un monitoraggio della situazione odierna.

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta