Coniugi litigano sempre? No all’addebito della separazione

148

La Corte di Cassazione ha stabilito che il fatto che i coniugi litighino spesso tra loro equivale a escludere l’addebito della separazione. La Corte ha quindi precisato che in riferimento ai presupposti della pronuncia dell’addebito ai sensi dell’art. 151, secondo comma, c.c., questa Corte ha più volte affermato che siffatta pronuncia richiede di accertare se uno dei coniugi abbia tenuto un comportamento contrario ai doveri nascenti dal matrimonio e sussista un nesso di causalità tra questo comportamento ed il determinarsi dell’intollerabilità nella prosecuzione della convivenza e che l’indagine sul punto, involgendo un apprezzamento di fatto, è censurabile in sede di legittimità soltanto qualora la motivazione che la sorregge sia inficiata da un vizio che dia luogo ad un’obiettiva deficienza del criterio logico seguito dal giudice nella formazione del suo convincimento, ovvero da una totale omissione della motivazione su di un punto decisivo. Non sono, invece, proponibili quelle censure che contengano una autonoma valutazione dei fatti, sostitutiva rispetto a quella operata dal giudice di merito. Nel caso di specie, gli Ermellini hanno quindi osservato che la Corte d’appello ha puntualmente indicato che i coniugi si sono scambiati numerosissime denunce e querele, ma, a parte la considerazione che ancora non se ne conosce l’esito definitivo si tratta di episodi successivi alla comparazione dei coniugi all’udienza presidenziale. La pronuncia ha, quindi, esposto le argomentazioni fondate sulle deposizioni dei testi, evidenziando un quadro tale da fare escludere che l’intollerabilità della convivenza fosse ascrivibile ad uno dei due, in tesi responsabile della violazione dei doveri coniugali, in misura tale da giustificare una pronuncia di addebito.

Share
Condividi
PrecedenteSi parte con Gino Rivieccio con “Quanno ce vò ce vò”
SuccessivoRischio idrogeologico
avatar
Da sempre abituato a vivere con il Gazzettino vesuviano in casa, giornale fondato pochi anni dopo la sua nascita dal padre Pasquale Cirillo. Iscritto all'ordine dei giornalisti dal 1990, ricorda come suo primo articolo di politica un consiglio comunale di Boscotrecase, aveva 16 anni. Non sa perchè gli piace continuare a fare il giornalista, sa solo che gli piace, e alle passioni non si può che soccombere. "Il mestiere più bello del mondo".

Lascia una risposta