Marigliano: nuovo progetto di riqualificazione di Pontecitra

208
Emarginazione e degrado, sono da tempo gli aggettivi maggiormente associati al quartiere di Pontecitra.
Microcriminalità e vicende varie, poi, non danno certo un aiuto nella delineazione di un profilo positivo di quest’area dell’agro-nolano.
Chi vive quelle zone, però, sa che non si può certo fare di tutt’erba un fascio.
Sono molte le famiglie che non rientrano nello scenario, a tratti malfamato, del quartiere di Marigliano.
E sono proprio queste famiglie che anni lottano affinché arrivino dal Comune istanze che portino ad una riqualificazione di tale area.
E, finalmente, sembra che le preghiere di tanti sono state esaudite.
Dall’amministrazione comunale è stata diffusa la notizia di una candidatura per l’ottenimento di fondi da parte della Regione, fondi che porteranno ad una serie di lavori mirati a far riemergere la periferia Pontecitra e farla meglio integrare con il sistema cittadino.
Il nome del progetto è “La città che vogliamo: la trasformazione urbana e sociale di Pontecitra”. Si tratta di un programma edilizio proposto dal Sindaco di Marigliano, Antonio Sodano, e diretto agli Amministratori regionali, che prevede la realizzazione di un complesso al cui interno sorgeranno scuole, uffici, edifici di culto, esercizi commerciali, un mercato ed una piscina.
Il tutto all’interno di in una grande area verde destinata a diventare il polmone ecologico della città.
Non solo edilizia, ma anche eco-compatibilità.
Il progetto, infatti, mira al raggiungimento di alti standard di eco sostenibilità e risparmio energetico il che consentirebbe, in primis, un miglioramento della qualità della vita ed in secundis la fine dell’immagine di periferia come covo ci cemento e malavita. Il costo totale dell’investimento? Circa 45 milioni, ottenibili attraverso sovvenzionamenti regionali, fondi comunali e concorso di privati.
Un progetto che punta soprattutto a migliorare la qualità della vita delle tante persone che abitano la periferia di Pontecitra, spiega il sindaco Sodano, e che si vedono sempre più a disagio e messe da parte.
Abitare una periferia non significa essere estraniati dal mondo, né essere, nei casi peggiori, discriminati.
La riqualificazione delle periferie dovrà essere la mossa che porterà le città del sud a diventare sempre più a portata di uomo.
Giuseppe Annunziata
Share

Lascia una risposta