Spacciava droga in Veneto, arrestato 33enne di Agerola

761

Anche un 33enne residente ad Agerola è stato arrestato nel’ambito di una vasta operazione antidroga dei carabinieri di Venezia che hanno eseguito una decina di provvedimenti cautelari e una ventina di perquisizioni nell’ambito di un’inchiesta su una presunta banda specializzata nel traffico e spaccio di hashish e cocaina nella zona del Veneto orientale. L’operazione, coordinata dalla Procura della Repubblica di Venezia, riguarda il Veneto, il Friuli-Venezia Giulia, la Campania e la Lombardia, con l’impiego di un centinaio di carabinieri e in supporto di elicotteri e unità cinofile. Il gruppo che secondo le indagini gestiva il traffico era composto da italiani ed extracomunitari. L’indagine è iniziata nel marzo 2009 ed è stata svolta anche dai carabinieri di San Donà di Piave per contrastare lo spaccio di stupefacenti sul litorale veneziano. A gestire lo smercio della droga, secondo l’Arma, Gianni Zago, 41 anni, di Jesolo, già arrestato lo scorso gennaio; Maurizio Acampora, 33, di Portogruaro, arrestato ad Agerola; e Giorgio Salafita, 67, di Jesolo. In manette anche il marocchino Mohamed Hilal, 24 anni, residente a Jesolo; il tunisino Kamel Hentati, 44, e Antonio Giusto ,37, di Casorate Primo (Pavia), si sarebbero occupati del reperimento e dello spaccio dello stupefacente; mentre Nicola Buso, 25, di Portogruaro e Natalino Mancuso, 42, di Palazzolo dello Stella (Udine), si sarebbero interessati del trasporto, della consegna e dell’ulteriore spaccio al dettaglio dello stupefacente.

Lascia una risposta