Torresi nel Mondo Torre Annunziata: “Carmela Sermino deve essere aiutata”

In una trasmissione televisiva il 7 dicembre “ Se…A casa di Paola” Rai 1 – la nostra cara e simpaticissima Carmela Sermino ha avuto un`intervista e durante la trasmissione raccontando la sua tristissima storia ha fatto capire che non vuole compassione oppure elemosina…lei vuole lavorare! Il lavoro, nel nostro ordinamento, non è più considerato alla stregua di un puro e semplice rapporto di relazione tra singoli individui, bensì come il più importante fenomeno della vita sociale. L`art. 1 della Costituzione, promulgata nel 1948, afferma, infatti, solennemente, che “ l`Italia é una Repubblica fondata sul lavoro. Ai sensi dell`art. 4 della Costituzione il lavoro viene ad essere configurato come diritto, e al tempo stesso come dovere, di ogni cittadino…la Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto. Potrei scrivere a lungo su “Il valore del lavoro nella costituzione italiana”. Insomma la Sermino ha lanciato un appello…voglio lavorare! Ho avuto il piacere di conoscerla in una cena a casa di un mio consigliere Marcello Papa questa donna straordinaria – mi ha sorpreso per la sua tenacia – energia e l`ho domandata se voleva entrare nella nostra associazione come consigliere…vi lascio immaginare la sua pronta risposta…sono onorata! Ora carissimi torresi, vi chiedo vogliamo aiutare questa sfortunata donna…se uno soffre e non fai il possibile per alleviare il suo dolore, sei colpevole. A di là dei legami di sangue, al di là di ogni affinità di razza, c`é un sentimento di solidarietà umana che deve legare tutti gli uomini e per il quale devono sentirsi, come effettivamente sono protagonisti di comuni vicende e partecipi di uno stesso destino. Infierire contro un altro, o anche restare indifferente di fronte al suo dolore, significa tradire questo sentimento di umana solidarietà. Allora lancio un appello carissimi lettori, aiutiamo a trovare la vedova Veropalumbo Carmela un dignitoso lavoro affinché possa vivere modestamente con la sua piccola bambina. Vi prego…un `altra volta, un `altra volta non deve esistere…Un `altra volta è la parola d’ordine dei pigri, dei neghittosi, degli irresoluti, dei deboli di corpo e di spirito; di coloro che non hanno forza di carattere e di volontà. Ogni azione sembra loro una grave fatica, ogni sforzo da compiere sembra loro insostenibile; e cosi, procrastinando sempre, essi, un bel giorno, si accorgeranno che il temporeggiare è stato loro fatale, perché quello che avrebbe potuto essere fatto facilmente ieri, difficilmente potrebbe essere messo in pratica oggi! Allora, tutti coloro che possono aiutare la nostra Carmela Sermino datevi da fare…e che la Madonna della Neve vi benedica e vi ringrazia. Un grazie di cuore e “ Buon Natale”.

Il presidente – Oscar Guidone

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteGMA Pozzuoli, Scotto Di Luzio: “La reazione c’è stata”
SuccessivoCastellammare in piena emergenza rifiuti. Bobbio ai cittadini: “Limitare conferimento nei cassonetti”
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.