Pimonte, Chierchia: “Il sindaco Giuseppe Dattilo mente su tutto”

259

“Dattilo mente sulle cose realizzate dall’amministrazione e i cittadini pimontesi non meritano un sindaco bugiardo”. Bartolomeo Chierchia, ex assessore e oggi consigliere comunale di minoranza, replica al primo cittadino che solo pochi giorni fa aveva tracciato il bilancio della sua azione amministrativa. “Un bilancio falso e che attribuisce a Dattilo meriti che non sono suoi – afferma l’esponente di Popolari per il Sud -. La verità è che il sindaco ha deciso di ricandidarsi, ma non può fare campagna elettorale dicendo bugìe ai cittadini che sanno bene cosa funziona (o meglio cosa non funziona) a Pimonte”. Chierchia scende nei particolari e analizza caso per caso i “successi” (o presunti tali) sbandierati ai quattro venti da Dattilo. “Innanzitutto c’è da dire che il parcheggio di via Madonnina con i relativi 14 posti auto, la ludoteca e i lavori alla scuola elementare Fratelli Cervi sono opere già progettate e persino finanziate dall’ex amministrazione guidata da Gennaro Somma. Non so dunque come fa Dattilo ad arrogarsi meriti inesistenti”. Il discorso scivola poi sulla raccolta differenziata. “Il sindaco ha detto che grazie a lui Pimonte fa la differenziata – continua -, anche questo è falso. Secondo i dati ufficiali del Sir infatti, da marzo 2009 a dicembre 2009, ovvero quando il sottoscritto era assessore al ramo, la differenziata raggiunse quota 50%. Nel 2010 invece, ovvero da quando Dattilo ha assunto la delega ai Rifiuti, la differenziata è scesa al 43%, ovvero il 7% in meno rispetto all’anno scorso. E meno male che il sindaco parla di successo, quando non riesce nemmeno a organizzare una campagna di sensibilizzazione che è alla base della differenziata. Infine, è sotto gli occhi di tutti i pimontesi il fatto che molte strade cittadine sono sporche e restano nel degrado più totale”. Anche sui lavori del piazzale Chiesa, il consigliere Chierchia ribalta la tesi di Dattilo. “Non voglio assumere primogeniture – afferma -, ma per chiarezza è bene dire che il finanziamento di 1 milione e 900mila euro per il restyling della struttura è stato effettuato dal mio partito dopo il mio personale intervento con i vertici regionali dell’ex Udeur. E sfido chiunque, anche in un confronto pubblico, a dimostrare il contrario”. Nell’intervento della scorsa settimana Dattilo citava almeno altri tre progetti. “Certo, e anche in quel caso non è merito suo – continua Chierchia -. Il collegamento di via San Sebastiano con la provinciale 366 è merito della Comunità Montana, con progetto e fondi già stanziati, mentre per la piazzetta di via Apuzzo l’unico merito è dei residenti della zona, che con spirito di sacrificio e volontariato hanno fatto sì che si realizzasse la piazzetta. Infine, l’Adsl, beh non credo che nel 2010 avere la linea veloce di internet rappresenti un successo”.

C.S.

Share
Condividi
PrecedenteOttaviano: torna la maratona di Telethon
SuccessivoOttaviano: presentato l’ultimo libro di Tommaso Sodano
avatar
Il settimanale “Il Gazzettino vesuviano” fondato nel 1971 si interessa delle tematiche legate al territorio vesuviano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante realtà che operano sul territorio.

Lascia una risposta