Un presepe fatto con la pasta di Gragnano alla mostra Pastores

396

Anche il Centro Giovani “S.Caterina” di Gragnano hanno partecipato alla mostra presepiale “Pastores” allestita presso la parrocchia madre di San Giovanni al Teduccio e organizzata dall’associazione Kesed. L’edizione 2010 della mostra, la dodicesima consecutiva, è stata inaugurata il 9 dicembre ed è terminata il 6 gennaio: hanno partecipato professionisti e semplici amatori. Già lo scorso anno, i ragazzi del centro giovani Santa Caterina avevano dato prova della loro abilità e creatività nell’arte presepiale. Infatti il presepe 2009 è stato inserito all’interno della mostra allestita dalla pro-loco e dal comune di Gragnano presso il chiostro degli Agostiniani. L’associazione sociale e culturale gragnanese, presieduta da Marianna Esposito, ha però partecipato con piacere anche alla mostra organizzata dalla Kesed. «Com’è nata la nostra partecipazione? Praticamente per caso – racconta Marianna Esposito – perché gli amici dell’associazione napoletana vennero a Gragnano durante al festa della pasta, entrarono nel portone in cui avevamo allestito una mostra d’arte collettiva e videro le sculture di pasta e ci chiesero di partecipare a questo mostra». E i ragazzi gragnanesi Gerardo Mirto, Francesco Palumbo, Giuseppe De Fraia, Fabio Galeotti, Antonio Del Gaudio, Vincenzo Nastro, con la collaborazione di Alberto Di Vuolo, hanno preso parte alla mostra, portando due presepi: uno tradizionale napoletano, l’altro interamente in pasta. Il presepe di pasta del vice-presidente Gerardo Mirto è stato esposto all’interno di una mostra collettiva d’arte organizzata dal centro giovani, durante la manifestazione “l’incanto della pasta” il 3-4-5 settembre 2010, ed è proprio in quell’occasione che i responsabili dell’associazione di volontariato Kesed di San Giovanni al Teduccio, che organizza da anni la mostra Pastores, vedendo e apprezzando l’opera chiesero ai ragazzi di partecipare a questa mostra-concorso. Al termine dell’evento, l’associazione Kesed ha consegnato all’associazione una targa ed una pergamena.

Share

Lascia una risposta