Castellammare: Pdl in crisi, Antonio Carrillo passa al Gruppo Misto

204

Antonio Carrillo lascia il Pdl e passa al Gruppo Misto. Non si placa la polemica nel Popolo della Libertà a Castellammare di Stabia. La crisi politica del partito di maggioranza raggiunge anche il consiglio comunale, stavolta ufficialmente. Ieri mattina, Carrillo ha protocollato la sua decisione ufficiale, lasciando il partito che l’ha sempre visto tra i protagonisti per la sua attività incessante. Antonio Carrillo, però, non “tradisce” il sindaco Bobbio, al quale conferma la sua fiducia, come fatto fin dalla campagna elettorale. Il consigliere comunale stabiese ce l’ha con i vertici provinciali del partito, con il presidente della Provincia Cesaro, con i sub commissari da lui nominati a Castellammare, e non risparmia nemmeno il capogruppo Pdl in consiglio comunale, Mario D’Apuzzo.

Queste le motivazioni: «La dislessia politica del presidente commissario Pdl della provincia di Napoli, Luigi Cesaro, già manifestatasi nella lettura e nella comprensione della crisi della nostra città, si è ulteriormente aggravata negli ultimi mesi, a causa delle pretestuose e mortificanti nomine mediatiche dei suoi sub commissari locali del Pdl stabiese. Senza peraltro aver mai  sentito, nella qualità, l’esigenza di convocare il gruppo consiliare o il gruppo dei volenterosi della sezione locale, al fine di constatare di persona, senza interessate mediazioni, le motivazioni politiche che hanno portato all’allontanamento del giovane consigliere Ciro Cascone, ed in seguito la mia autosospensione dal gruppo, principalmente causata dalla scorrettezza politica del capogruppo consiliare, nonché del mancato decollo del Pdl nella cabina di regia. Per cui, confermando la mia lealtà al programma moderato e di centrodestra ed al sindaco Luigi Bobbio, in coerenza con la passata militanza esperita nel Pdl, vi comunico di abbandonare il gruppo del Pdl ed aderire al Gruppo Misto nell’esclusivo interesse della Città».

 

Share

Lascia una risposta