La ciliegia spernocchia di Bracigliano è la più buona d’Italia

0
647

La ciliegia di Bracigliano è la migliore d’Italia. Il prestigioso riconoscimento è stato assegnato alla “spernocchia” braciglianese nel corso dell’annuale Festa nazionale “Città delle ciliegie” che quest’anno si è svolta a Vignola, in provincia di Modena. Ad attribuire il premio speciale alla ciliegia “made in Bracigliano” è stata l’A.N.D.M.I. (Associazione dei direttori di mercati ortofrutticoli all’ingrosso). Il premio speciale è stato ritirato dal sindaco di Bracigliano, Ferdinando Albano, presidente di turno dell’Associazione nazionale “Città delle Ciliegie”, network territoriale che raccoglie e coordina 53 Comuni, due Comunità montane e una Provincia.

E’ la prima volta in assoluto per Bracigliano e per la “sua” ciliegia. “E’ un importante riconoscimento per la nostra comunità e per il settore agroalimentare – afferma il sindaco Albano –. A nome dell’amministrazione comunale voglio fare uno speciale ringraziamento ai nostri contadini che con impegno e abnegazione portano avanti la secolare tradizione cerasicola di Bracigliano. Nei giorni scorsi, il consiglio comunale ha premiato il produttore agricolo Tommaso Izzo che, insieme ai figli, gestisce l’azienda “La ciliegia” di Bracigliano, per la preziosa attività di promozione e valorizzazione della “spernocchia” messa in campo in questi anni”.

Particolarmente soddisfatto si dice il sindaco di Bracigliano per la decisione della Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati di approvare la risoluzione di alcuni parlamentari italiani che impegna il Governo a salvaguardare la produzione della ciliegia in Italia, attraverso interventi a sostegno del comparto che negli ultimi due anni ha conosciuto una profonda crisi, con conseguente riduzione del raccolto di circa 15mila tonnellate. Il Governo ha riconosciuto la ciliegia quale Frutto della Nazione (Bianco del fiore, Rosso della polpa, Verde delle foglie) e istituito un tavolo di settore presso il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali che avrà lo scopo di approfondire – in collaborazione con l’Associazione Nazionale “Città delle Ciliegie” – le questioni che interessano il comparto produttivo e di definire adeguate politiche di rilancio. “La risoluzione – conclude Albano Bracigliano – impegna il Governo a programmare e finanziare progetti di valorizzazione e marketing territoriale, a promuovere la formazione di consorzi di produttori per rendere la ciliegia un volano di sviluppo dei territori in cui viene coltivata e a tutelare i produttori agricoli rispetto al settore della distribuzione”.

 

Lascia una risposta