Boxe, Annunziata sconfitto per intervento medico

375

Sul ring del PalaCaselle di Arezzo, il 30enne beniamino di casa Adriano Nicchi (14-3-2; 6 ko) ha respinto l’attacco al suo titolo italiano dei superwelter portatogli dal 28enne mancino di Terzigno che si allena alla Boxe Vesuviana Salvatore Annunziata (14-4-3; 3 ko)

Il match, diretto dal sig. Enzo Giancamilli, ha visto un inizio caratterizzato da una maggiore attività dello sfidante, che pare prevalere  in velocità e determinazione, ma alla seconda ripresa, complice una disattenzione del Campano, Nicchi porta un violento montante destro alla milza e Annunziata si ferma un attimo, subendo un saettante gancio sinistro al mento che lo fa crollare al tappeto, dopo il conteggio con grande coraggio riesce ad arginare gli attacchi dell’Aretino e giungere al sospirato gong, ma il colpo che ha determinato il conteggio provoca anche una forte distorsione al ginocchio destro di Annunziata che raggiunge il proprio angolo in modo claudicante.

Nella terza, succede di tutto, con il napoletano, guidato da Biagio Zurlo, che punto sull’orgoglio scatena una guerra terrificante, nel corso della quale entrambi vanno in difficoltà e specialmente l?aretino che commette l’errore di accettare gli scambi a viso aperto, rischiando lui questa volta a subire il conteggio dell’arbitro.

Al quarto round, come ovvio, il ritmo si placa un po’ e il combattimento si fa equilibrato; Nicchi attende il sinistro di Annunziata e prova ad incrociarlo col diretto destro, contando sulla sua superiore potenza, ma Annunziata riesce, malgrado il problema al ginocchio ribatte colpo su colpo agli attacchi di Nicchi .

Alla sesta ripresa, tra il tifo caldissimo del suo numeroso pubblico, Nicchi pare padrone della situazione e porta diversi colpi efficaci che mettono in palese difficoltà tecnica, fisica e psicologica Annunziata il quale ormai da due riprese combatteva saltellando su di una sola gamba. Con molta professionalità e ammirevole senso di responsabilità, quando termina la ripresa Biagio Zurlo gli consiglia il ritiro e cos? accade.

Una bella vittoria per il padrone di casa e un plauso anche per Annunziata per il coraggio con cui aveva reagito al baratro della seconda ripresa il quale benché menomato ha sempre risposto senza cedere di un millimetro agli attacchi di Nicchi.

“Salvatore si è fatto male nella caduta – ha dichiarato nel dopo-match Zurlo – ed ha reagito con orgoglio, ma era inutile farlo continuare e prendere colpi inutili il mio compito è soprattutto quello di salvaguardare l’integrità fisica dei miei atleti”.

Dal canto suo, Nicchi è stato molto cavalleresco: “Sapevo che Salvatore era un rivale difficile e inoltre ci conosciamo benissimo, non mi aspettavo che cadesse al tappeto e sono rimasto sorpreso dalla sua reazione”.

Il vice Sindaco con delega allo Sport Francesco Ranieri ha voluto rincuorare Annunziata per l’ottima prova fornita contro un avversario forte ma sicuramente alla portata del suo concittadino ed ha inoltre subito contattato il manager Zurlo e l’organizzatore Cotena per cercare di allestire per il mese di settembre una rivincita con lo stesso Nicchi oppure un Campionato Internazionale proprio a Terzigno.

Intanto Salvatore Annunziata si riposerà fino al giorno 23 luglio quando porterà all’altare Annalisa Luongo e poi ricomincerà, come lui stesso ci tiene a precisare, ad allenarsi perché l’appuntamento con la Storia di diventare campione d’Italia è solamente rimandato.

Lascia una risposta