Ercolano, ottimizzare le risorse comunali al solo scopo di migliorare la qualità d’esistenza dei cittadini

159

“Ottimizzare le risorse comunali al solo scopo di migliorare la qualità d’esistenza dei cittadini”: questo il parere dei residenti  ad Ercolano  in merito alla necessità da parte del governo locale  di entrare pienamente in sintonia con le priorità  di una comunità particolarmente ostica da gestire data la eterogeneità della stessa. “ Ci chiediamo come mai- hanno precisato gli ercolanesi -in Corso Resina rallentamenti continui ai lavori di riqualificazione e vistose incomprensioni logistiche tra gli addetti ai lavori e i responsabili comunali non siano affrontate e risolte perentoriamente nelle sedi appropriate stabilendo responsabilità oggettive e specifiche competenze monitorative. Per non parlare del piano traffico di fatto inesistente in città : ci siamo battuti in passato perché si rispettasse il codice della strada indispensabile per regolare la viabilità e la sosta dei veicoli nel perimetro cittadino, con particolare riferimento alla zona archeologica, al centro storico e allo spazio laterale del MAV(museo archeologico virtuale). Di fatto siamo regrediti : basta infatti affacciarsi nei corridoi laterali del noto museo virtuale per notare auto e furgoni in sosta selvaggia. Ci chiediamo come mai il comandante della polizia locale Francesco Zenti non sia intervenuto tempestivamente per porre fine ad una palese violazione del codice stradale.  Ci sfugge il processo logico  in seguito al  quale si adotti sistematicamente una politica attendista su questioni di rilevanza vitale per Ercolano quando i residenti ormai esasperati da endemici disservizi si allontanano sempre più vistosamente dall’Assise Locale e dal lavoro della Giunta. Il particolare momento di recessione in atto nel Paese ci impone il massimo rigore nella gestione di fondi e risorse dal cui corretto utilizzo dipenderà il futuro della comunità vesuviana e  dei tanti giovani determinati a vivere positivamente la propria realtà d’origine”. Chiaro il monito della gente per bene di Ercolano  che non intende però polemizzare con alcun amministratore o pubblico referente  : “ Ogni onesto amministratore ha il dovere di analizzare la quotidianità del contesto urbano che pubblicamente rappresenta non perdendosi in polemiche sterili o attacchi personali ma anteponendo a qualsivoglia interesse utilitaristico il bene del proprio territorio. Siamo certo che  ancora una volta dal Palazzo di Città non si resterà esclusivamente a rimirare un simile scenario ma si apporteranno le dovute correzioni ad un processo di riqualificazione territoriale che deve innanzitutto tener conto delle esigenze legittime degli onesti contribuenti che lo animano”.

Alfonso Maria Liguori

Condividi
PrecedenteAlle Terme di Stabia un concerto di musica classica napoletana a cura dell’associazione “Il Pelligramma”
SuccessivoA Sorrento la mostra “Aligi Sassu, artista mediterraneo”
Pubblicista, con formazione scolastica classica e frequenza universitaria presso l'Ateneo Federico II di Napoli (corso di Laurea in Filosofia). Dal 2003 "Aml" è nato, giornalisticamente parlando, con il settimanale diocesano della Curia di Napoli "Nuova Stagione". Successivamente collabora con Cronache di Napoli, con Metropolis, con Napoli Più, svolgendo nel contempo attività di pubbliche relazioni e portavoce di politici. Impegnato nel sociale nel 2003 ha preso parte ad un progetto sociale per il recupero di minori a rischio promosso dall'associazione onlus "Figli in Famiglia" in collaborazione con il Tribunale per i Minori di Napoli. Ha curato eventi di solidarietà per associazioni onlus in favore di noti ospedali partenopei in collaborazione con l'Ubi Banca Popolare di Ancora. Ha diretto la trasmissione televisiva "Riflettori su Ercolano" (a sfondo sociale) per Tele Torre. Profondo conoscitore della strada e dei complessi meccanismi sociali che caratterizzano le problematiche di Napoli e della sua provincia, da anni collabora attivamente con il Gazzettino vesuviano.

Lascia una risposta