Su Facebook il gruppo “Campania, no ai doppi incarichi”

160

Sono oltre mille e cento i membri del gruppo Facebook “Campania, no ai doppi incarichi”. E il numero è destinato a crescere. L’iniziativa di Flora Beneduce, consigliere nazionale dei Club della Libertà, sembra raccogliere sempre più consensi, e non solo nel centrodestra. “I doppi incarichi sono un costo non tollerabile per i cittadini. Per questo ho promosso un gruppo su Fb, a cui hanno aderito molti politici della Penisola sorrentina e dei monti Lattari – spiega la Beneduce -. Purtroppo gli editoriali dei maggiori quotidiani italiani elencano tra i costi della politica i privilegi, le auto e i voli blu, gli stipendi e le pensioni molto più alti di quelli dei colleghi europei, gli sconti fiscali per il finanziamento ai partiti,  le prebende e le assunzioni da assicurare alla propria clientela. Ma ce ne sono altri ugualmente onerosi. Mi riferisco ai  doppi incarichi. Consiglieri provinciali che sono anche consiglieri regionali. Sindaci che allo stesso tempo rivestono incarichi di consiglieri regionali e/o provinciali. Deputati nazionali con due o tre incarichi istituzionali, mariti deputati e mogli consiglieri regionali. Assessori regionali che imperterriti continuano a detenere incarichi di consiglieri regionali. Controllori, controllati. Mi domando come sia possibile ricoprire due ruoli istituzionali così impegnativi e inconciliabili. In questo caso, emerge con chiarezza l’evidente contrasto tra il ruolo indirizzo e controllo e quello di gestione amministrativa. Se non è la legge a sancire la necessità di separare le due funzioni, dovrebbe essere almeno il buon senso a guidare chi si trova in questa posizione, e nel consiglio regionale della Campania e in quello provinciale. Non si tratta di una battaglia personalistica contro qualcuno, ma di un’esigenza che avvertono i cittadini e di cui mi faccio portatrice”.

Flora Beneduce detta, così, un nuovo argomento all’agenda setting della politica campana. Il consigliere nazionale dei Club della Libertà sembra non intenzionata a mollare la presa e continua a lavorare perché siano mantenute le promesse fatte in campagna elettorale, a partire dall’impegno ad evitare il doppio incarico, assunto dal governatore Stefano Caldoro.

“E non è tutto: perché non vengono elencati tra i costi i benefici, le consulenze d’oro e gli incarichi distribuiti a mogli o compagne, figli e parenti di vario grado? – continua Flora Beneduce -. Credo che sia scandaloso il meccanismo premiale che favorisce chi è vicino al potente di turno, senza tener conto della professionalità, della capacità e della preparazione? Come se non bastasse, sono stati escogitati trucchi per moltiplicare in consiglio regionale presidenze, gruppi fasulli e ricche prebende. Le persone sono stanche di promesse non mantenute. La politica deve mettersi al passo con le istanze più autentiche di cambiamento”.

 

 

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta