Torre del Greco, Borriello: “Attenzione alla salvaguardia del patrimonio boschivo”

202

“Raccomando vivamente a tutti, in particolare in questi giorni di forte calura, di non accendere assolutamente fuochi, né di buttare mozziconi accesi o rifiuti vari all’interno delle nostre lussureggianti pinete del Parco Vesuvio. Oltre a motivi di sicurezza e di civiltà è anche una questione di ordine economica. In merito sono in vigore leggi severissime a salvaguardia del patrimonio boschivo dal rischio incendi stagione estiva 2011”. Così Ciro Borriello, sindaco di Torre del Greco. “Purtroppo, sono considerevoli – prosegue – le spese sostenute ogni anno dalle pubbliche istituzioni per attivare uomini e mezzi, autobotti, elicotteri e canadair tesi a fronteggiare e domare pericolosissimi incendi sviluppatosi nella nostra bella area vesuviana. Il rispetto dell’ambiente è una condizione fondamentale sia per la qualità della vita presente che per il bene futuro della collettività. Ricordo che le leggi in materia sono relative alla salvaguardia del patrimonio boschivo dal rischio incendio, in cui si vieta di accendere fuochi all’aperto nelle zone boscate, nonché in quelle sottoposte a vincolo idrogeologico, far brillare mine, usare apparecchi a fiamma od elettrici per tagliare metalli, usare motori, fornelli o inceneritori che producono faville e brace”. “Chiedo a tutti – sottolinea il Primo cittadino – la massima osservanza per evitare gli incendi che potrebbero tradursi in immane tragedia considerata la vastità delle pinete. Inoltre, ricordo che ai proprietari dei fondi è fatto obbligo di rimuovere dai terreni ogni residuo vegetale o qualsiasi materiale che possa favorire l’innesco d’incendi e la propagazione del fuoco. Come ai proprietari dei terreni posti frontalmente alle strade comunali e vicinali o d’aree incolte poste all’interno del centro urbano, di provvedere alla pulizia delle suddette aree, sgombrando le stesse da erbe, da rovi, da infestanti e da qualsiasi tipo di rifiuti anche se abbandonati da terzi, conservando i terreni costantemente puliti. Sono semplici attenzioni per evitare e soprattutto prevenire i notevoli danni ambientali, sovente irreparabili, come la distruzione degli equilibri ecologici, l’impoverimento biologico, l’erosione del suolo, la morte di tante specie animali, nonché la forte deturpazione del paesaggio”. “Intanto, sono sempre attivi i controlli – conclude Ciro Borriello – e per coloro che infrangono le leggi, oltre alle pesanti sanzioni amministrative, è prevista la detenzione. Ringrazio tutte le Forze dell’Ordine, il Corpo Forestale, i Vigili del Fuoco,la Protezione civile e le associazioni ambientaliste impegnate nella tutela e la sicurezza del territorio. Esorto chiunque per ogni emergenza a chiamare il 1515 ola Polizia. La tempestiva collaborazione dei cittadini è utilissima”.

Share

Lascia una risposta