Mazzarri: “Il Napoli ha ottenuto in poco tempo cose eccezionali. A Cesena giocherà chi starà meglio “

192

Conferenza stampa di Mazzarri, alla vigilia dell’esordio del suo Napoli sul campo in erba sintetica del Manuzzi di Cesena, ecco quanto evidenziato da IlGazzettinoVesuvianoVogliamo ripetere la stagione straordinaria dello scorso anno”. Esordisce così Walter Mazzarri, ricomincia da dove aveva lasciato. Il terzo posto e la conquista della Champions è un punto di partenza ed un pilastro sul quale il tecnico vuol costruire il futuro azzurro…

Mister si riparte da Cesena:Sarà un match difficile, contro una squadra che si è rinforzata ed ha buone potenzialità. Ci sarà l’incognita del campo sintetico che proveremo solamente oggi. Ma siamo fiduciosi di poter cominciare bene la stagione. Personalmente sono soddisfatto di come abbiamo lavorato e di cosa ha fatto la Società in sede di mercato. Vogliamo consolidarci nel tempo su certe posizioni“.

C’è entusiasmo nell’ambiente, i tifosi sognano:E’ giusto che ci sia entusiasmo e siamo contenti che la gente possa sognare. Ma noi addetti ai lavori dobbiamo essere concreti e realisti. Avete visto la classifica degli ingaggi: ci sono almeno quattro squadre che ad oggi sono di un altro pianeta. L’anno scorso abbiamo fatto qualcosa di straordinario e ci riproveremo, però è anche vero che non si può trasformare lo straordinario in ordinario. Sulla carta Milan, Inter e Juventus sono davanti a tutti. Il fatto che abbiano in squadra tanti top player la dice lunga. Noi abbiamo un ottimo gruppo, con giocatori che possono diventare dei campionissimi in futuro e noi speriamo di poter contribuire alla crescita di tutti. Ma dobbiamo riconoscere che sarà un campionato difficilissimo“.

L’aspettativa che c’è per il Napoli è tanta. Più una carica o una pressione? “Mi rendo conto che sulla scorta di ciò che abbiamo costruito in questi anni è anche lecito che si diano meriti a questa squadra ed a questa Società che in quattro stagioni di Serie A è riuscita a conquistare la qualificazione in Champions League. Era un traguardo che non si raggiungeva da oltre venti anni e questo resterò per sempre nella storia. Quello che il Presidente ed il Club hanno ottenuto in così poco tempo è una cosa eccezionale. Noi restiamo sereni, vogliamo provare a ripetere la scorsa stagione e crescere ulterioremente“.

Cavani le ha fatto grandi complimenti: “Lo ringrazio molto. Sono quelle cose che più di ogni altre ti riempiono di gioia. Dico grazie a Cavani che è un uomo eccezionale e ringrazio tutti i ragazzi del gruppo per ciò che stanno dando in termini umani e tecnici

Ha deciso già la formazione? Devo valutare alcune cose anche in funzione del doppio impegno in quattro giorni. Non ho avuto a disposizione alcuni nazionali ed alcuni hanno giocato anche due pertite in una settimana. Considererò la condizione di tutti e cercheremo di mandare in campo chi sta meglio“.

Che giudizio dà al suo Napoli a poche ore dall’inizio ufficiale della stagione? “Noi abbiamo uno zoccolo duro di un gruppo collaudato e consolidato nel quale sono entrati giocatori importanti. Io dico che dobbiamo avere la stessa mentalità, unità di intenti, spirito di gruppo e lo stessa espressione di gioco di sempre. L’unica opportunità che abbiamo di imporci è solamente attraverso l’espressione di gioco. Voi lo sapete io non guardo al risultato ma al gioco. Se riusciamo ad imporre la nostra manovra, avere possesso palla e giocare secondo i meccanismi di sempre, allora vi dico che sarà difficile per tutti superarci. Abbiamo davanti a noi delle supercorazzate, ma lotteremo fino alla fine per dare grandi soddisfazioni ai nostri tifosi” .

In chiusura Walter Mazzarri nella conferenza stampa alla vigilia della gara di Cesena ha replicato a quanto scritto da Arrigo Sacchi questa mattina in un articolo per la Gazzetta dello Sport. L’ex allenatore aveva criticato il gioco della squadra partenopea definendolo come il classico gioco italiano fatto di grande difesa e spunti individuali in un contesto tattico non definito. Ecco la risposta del tecnico del Napoli : “Con tutto il rispetto per Sacchi, per me non fa testo quello che dice, sono tanti anni che è fuori del giro… Mi interessa molto di più quello che dice Prandelli che è aggiornato e ha detto che il Napoli è tra le squadre che giocano meglio. E’ un discorso universale, se una squadra è positiva, tiene possesso, ha delle idee di gioco allora gioca bene. Il suo Milan giocava bene, ma è anche facile quando hai Van Basten, Rijkard, Donadoni ecc.ecc.”.

Cosimo Silva

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano

Lascia una risposta