Ciao Enzo Mirigliani!

Ci ha da poco lasciati Enzo Mirigliani. Il patron del concorso Miss Italia aveva il 22 aprile festeggiato il suo 94esimo compleanno ricevendo il pensiero delle ultime sue due miss in quel momento, Maria Perrusi e Francesca Testasecca: “Un uovo di Pasqua pieno di affetto, tenerezza, gratitudine per il patron nel giorno del suo compleanno». Si gratitudine che tante Miss Italia, come loro devono, insieme a tante altre Miss Italia nel Mondo, ed insieme all’Italia intera all’uomo che piccolo di statura ma grande di spessore morale ed imprenditoriale ha creato del concorso Miss Italia un mito non solo per il nostro popolo, ma anche per quello mondiale. Personalmente ho conosciuto ed apprezzato questo personaggio della nostra storia di costume, dal 1988 quando a Salsommaggiore scrissi sull’elezione di Nadia Bengala, ragazza che venne eletta Miss e che fra l’altro io conoscevo bene ed ero amico per averle in precedenza realizzato un servizio fotografico. Non sono mancate le sempre più strette mie collaborazioni al concorso fino ad essere premiato qualche anno addietro dallo stesso Enzo, con una targa di riconoscimento per aver diffuso correttamente nel mondo l’immagine del concorso. Io che ho vissuto tanti anni insieme a lui, tanti momenti, provo in questa circostanza una grande perdita, la perdita di un padre perchè ha in ogni occasione elogiato ed esaltato il lavoro che i giornalisti facevano per il concorso, anche quando muovevano qualche accusa a questo o a lui e tante volte ha fatto capire i valori della vita a me come ai tre colleghi che siamo rimasti storici accreditati della stampa per questo concorso: Vincenzo Bosco, Euro Grilli e Claudio Libera. In questi anni sono sempre partito da Napoli con la speranza di tornare nella città in cui vivo con una Miss Italia napoletana, ma a parte Daniela Ferolla nel 2001 nativa di Vallo della Lucania , la miss campana non c’è stata anche se tante ragazze campane hanno raggiunto il successo attraverso le prime posizioni ottenue a Miss Italia. Ricordo che Enzo mi parlava sempre bene di Napoli e della Campania, regione della quale era entusiasto tanto che nel 1959, quando divenne patron del concorso che dal 1939 aveva proiettato nel mondo la bellezza italiana, volle organizzare la sua prima finale nazionale di Miss Italia a Ischia ed in quella occasione venne eletta la napoletana Marisa Jossa. Anni dopo nel 1986 abbiamo avuto ancora una Miss napoletana: Roberta Capua, figlia della Jossa, che in questa 72a edizione di Miss Italia appena conclusasi a Montecatini Terme è stata membro della giuria di spettacolo. La Campania deve tanto a Enzo  Mirigliani anche per aver dato notorietà ed affermazione a tante figlie di tutta la nostra regione e ricordiamo Laura Tresa che nel 1995 conquistò il  titolo nazionale di Miss Wella Professionals affermandosi poi come star e prima donna del Bagaglino a Roma. Nel 1996 la patecipazione di Maria Mazza giunta 3a e Francesca Amirante giunta 4a con una grande affermazione della Mazza nel campo cinematografico. Il 1997 è l’attuale Ministro Mara Carfagna a conquistare il titolo di Prima miss dell’anno, e successivamente la fasca nazionale di Miss Cinema ed a gingere sesta in finale.  Il 1997 segna anche il successo di Christiane Filangieri, che giunge terza  e conquista poi il mondo del cinema divenendo in breve una affermata attrice. Anche Vincenza Cacace nel 1997 sfiora il successo a Miss Itala giungendo seconda e conquistando la fascia di Miss Televolto, affermandosi poi in Mediaset ne “La Corrida” con Jerry Scotti.  Caterina Balivo nel 1999 giunge 3a in finale a Miss Italia e di lì inizia la sua grande carriera come affermata giornalista  e conduttrice Tv e torna anche a condurre nel 2009 la 19a edizione di Miss Italia nel Mondo.  Altra affemata conduttrice Tv di Rai Uno diviene Barbara Di Palma che nativa di Vico Equense, da Gragnano, va a conquistare il secondo posto a Miss Italia nel 2000.  Nel 2005 è Francesca Fioretti, Miss Eleganza Campania di Maddaloni che vive a Marano ad affermarsi poi con Il Grande Fratello. A questa segue Raffaella Fico nel 2008 che dopo la partecipazione a Miss Italia affronta con gran successo Il Grande Fratello. Il 2006 la Campania con il suo agente esclusivista di Miss Italia, Antonio Contaldo, ottiene la storica affermazione di prima regione con 10 ragazze che passano in finale sulle 10 inviate alle prefinali. Il 2004 e il 2006 sono anche gli anni di partecipazione a Miss Italia di Roberta Luongo, che si afferma poi in Tv con Emilio Fede facendo la meteorina. Il 2004 e anche l’anno di partecipazione di Ilaria Castellano, Miss Campania, che poi ottiene successo prima come ballerina nella trasmissione di Jerry Scotti e poi in Quelli del Calcio con Simona Ventura. Nel 2005 Sara Crisci, vince il titolo nazionale di Miss Eleganza, creato nel 1950 per premiare la nostra grande Sofia Loren, e prende parte al programma La Botola condotto da Fabrizio Frizzi. Nel 2006 Claudia Mercurio, la miss Campania dopo la seconda esperienza a Salsomaggiore passa al successo prendendo parte alla trasmissione condotta da Mastrota su Rete 4.

Rosaria Schiavo, miss Campania 2007 dopo la partecipazione a Salsomaggiore prende parte al programma  Ciao Darwin condotto da  Bonolis.

Tiziana Morgillo di Maddaloni, dopo la finale di Salsomaggiore  ottiene successi come campionessa mondiale di ballo a Dusseldorf. Ancora da una selezione fotografica emerge Mirella Sessa, che nel 2009 sfiora più traguardi giungendo seconda dopo Maria Perrusi ma affermandosi poi come conduttrice con Miss Italia Channel Tv e poi conquistando il mondo del cinema e divenendo in breve una affermata, apprezzatissima ed amata attrice. Giungiamo al 2010 con Rosa Baiano che, dopo aver partecipato a Miss Italia si afferma come attrice partecipando al Grande Fratello 11a edizione. Tante le polemiche anche per Raffaella Modugno per il lato B con Guglielmo Mariotto prima e poi quest’anno esclusa per non aver rispettato l’art. 8 del regolamento del concorso, ma annuncia il suo proseguimento di successi con la partecipazione al Grande Fratello 12. I soli motivi di spazio ci costringono a restringere al massimo il successo che Enzo Mirigliani ha dato alla Campania tutta, come all’Italia intera, ma una cosa è certa il patron resterà per sempre il Patron magari attraverso la figlia Patrizia ed il nipote Nicola Pisu, e siamo certi che con il suo grande saper fare anche di lassù orienterà il popolo di Miss Italia verso nuovi successi.

Giuseppe De Girolamo

Donazione sostieni il Gazzettino Vesuviano
Condividi
PrecedenteSalerno. Richiesta di rinvio a giudizio per De Luca, Iannone (PdL): “Il silenzio del Pd e del segretario Landolfi”
SuccessivoVietri sul Mare: Project Action. Laboratorio di organizzazione eventi
Il giornale “il Gazzettino vesuviano”, fondato nel 1971 da Pasquale Cirillo e attualmente diretto da Gennaro Cirillo, si interessa principalmente delle tematiche legate al territorio vesuviano e campano; dalla politica locale e regionale, a quella cultura che fonda le proprie radici nelle tradizioni ed è alla base delle tante associazioni e realtà che operano sul territorio.Siamo impegnati a garantire la massima qualità e la massima integrità nel nostro lavoro giornalistico. Ci impegniamo a mantenere alti standard etici e professionali, evitando qualsiasi conflitto di interesse che possa compromettere la nostra indipendenza e la nostra imparzialità.Il nostro obiettivo è quello di fornire ai nostri lettori notizie e informazioni affidabili su una vasta gamma di argomenti, dalle notizie di attualità ai reportage approfonditi, dalle recensioni ai commenti e alle opinioni. Siamo aperti a suggerimenti e proposte dai nostri lettori, e ci impegniamo a mantenere un dialogo aperto e costruttivo con la nostra community.